Fratelli d’Italia, Chiari alza la voce: “Non ci sto a vedere Lucca come provincia di Viareggio”

Verso le regionali è corsa a candidarsi con il partito della Meloni: "Un Luna Park in cui si è perso il rispetto delle persone"

Arrivi e partenze in Fratelli d’Italia. Marco Chiari, già responsabile comunale, esprime il suo pensiero in vista delle regionali e sul partito di Giorgia Meloni in città.

“Mi sono messo in stand by – dice Chiari – in attesa di vedere cosa sarebbe successo a questo partito che dallo zero assoluto di quando sono entrato come responsabile della provincia di Lucca viene oggi accreditato, anche grazie a Giorgia Meloni, non certo ai politici locali, alla rilevante percentuale di oltre il 15%”.

Siamo al Luna Park – commenta critico – dove ci sono molte giostre su cui vogliono salire tutti. Preciso anche che è normale che sia così, almeno così è sempre stata la politica di basso livello. Chiarisco però che mentre su una giostra si gira in tondo qui tutti tentano l’allungo per essere i primi della classe. Si vocifera che c’è addirittura chi chiede garanzie, pur di entrare, con un atto notarile che gli garantisca la candidatura alle regionali. Se tutto fosse vero vi sembrerebbe una giostra od un malefico girone dantesco? Ho superato i 70 anni ed a questa età incominci a tirare le somme della tua vita, a valutare cosa merita fare e cosa invece merita abbandonare, pensi che ogni mattina quando ti svegli sia un giorno guadagnato e credetemi, voglio godermi gli ultimi anni di questa vita e non passare le giornate a pensare di chi parla male di te, di chi vuole solo denigrare per andare sempre più avanti, di chi ha 30 anni e pensa di spaccare il mondo senza sapere neanche leggere o scrivere. Si scrivono le chat con il correttore automatico e vorrei vedere in quanti riuscirebbero a scrivere una lettera degna con la propria penna”.

“Mi direte che sono deluso? – prosegue Chiari – Non proprio, casomai amareggiato di avere dato molto alle persone in cui credevo. Mi direte: ma non lo immaginavi? Vi risponderei di no, perché per me la politica, fatta e vissuta alla scuola di vecchi politici, era altra cosa. Prima veniva il partito e le sue linee guida mentre oggi prima ci sono solo le persone con i propri interessi ed i propri fini. Il mondo è cambiato come è cambiata la politica. Io non ci sto. Io non ci sto a vedere Lucca, capoluogo di provincia, sottomessa, senza candidati, a Viareggio e Capannori. Non ci sto a vedere Lucca come Comune della provincia di Viareggio. Non ci sto a svegliarmi la mattina e ricevere telefonate di quello che parla male di quell’altro, non ci sto, ripeto a questo Luna Park. La politica, almeno quella seria, dava risposte al territorio, risolveva i problemi del territorio, si riuniva e concordava le linee guida, organizzava gli eventi, riceveva e parlava con le persone, aveva una propria segreteria locale”.

“Sapete cosa vi dico? Io da sempre uomo di destra – prosegue Chiari – di quella destra non volgare non urlante e non becera, che fa bene a governare il Pd, noi non siamo in grado di farlo, non abbiamo gli uomini per farlo, gli interessi personali, almeno localmente, superano di gran lunga quelli della politica. Lo sapete bene, ho sempre messo la mia faccia davanti a tutto, mai mi sono nascosto ed ecco, cari amici, perché cinque mesi fa sono entrato in stand by, perché prevedevo tutto questo e non mi sono voluto infilare in un tunnel senza uscita. Molti mi chiedono: ma chi te lo fa fare visto i numeri importanti che sta raggiungendo questo partito? Non mi interessano i numeri, mi interessano i valori che un partito rappresenta per i cittadini ed oggi questi valori, almeno localmente, non sono rappresentati. Io almeno non mi ci riconosco”.

“Sbaglio sicuramente io – conclude – ma l’età porta a fare altre e più importanti considerazioni e di conseguenza scelte, prima la vita ed il piacere di viverla, poi lo sceglierti le amicizie e le persone da frequentare e non certo per ultimo il rispetto per le persone, cosa che purtroppo è scomparso. Sono e rimango un iscritto del partito e sono e rimango un grande estimatore di Giorgia Meloni, una donna che ha sempre mantenuto una linea coerente con le sue idee, vorrei solo, da misero iscritto, consigliarla di avvalersi di grandi persone, perché solo con grandi persone al fianco può solo continuare a crescere“.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.