Casapound sposa la linea dei comitati: “Un parco archeologico nell’area ex Gesam”

Il movimento chiede un consiglio comunale aperto agli interventi dei tecnici e dei cittadini

CasaPound Italia interviene sul progetto comunale per l’area ex Gesam a San Concordio: “Progetto da bocciare, si salvi la memoria del porto della Formica con un parco archeologico”.

“Da giorni – si legge in una nota – stiamo assistendo ad un inusitato sforzo mediatico della giunta a difesa dei cantieri per la realizzazione del programma Quartieri Social, con particolari riferimenti a quelli previsti per San Concordio. Un fuoco di fila tendente a giustificare tali interventi che ha evidenziato la doppiezza del sindaco Tambellini e dell’assessore Mammini, che proprio sull’opposizione alla cementificazione di San Concordio si erano conquistati la fiducia delle associazioni che si battono per la difesa della vivibilità del quartiere e tanti consensi elettorali”.

“In nessuno di quegli interventi però – continua il comunicato di CasaPound – si rileva che nell’area ex-Gesam sorgeva l’antico porto della Formica. Un vero e proprio approdo cittadino che fu utilizzato fino agli inizi dello scorso secolo; grazie al quale arrivavano e partivano da Lucca le merci destinate al porto di Livorno. Un luogo importante per la memoria storica e l’identità lucchese: non solo di San Concordio ma di tutta la città, se si pensa ad esempio che lì affluivano i materiali che furono utilizzati per costruire le mura urbane”.

CasaPound auspica che si possa creare un parco archeologico in quest’area – prosegue la nota – e si oppone alla definitiva distruzione di questi importanti reperti, allo stesso modo in cui si oppone alla logica di demandare a soluzioni architettoniche che impongono asfalto e cemento sul territorio, il ruolo di aggreganti sociali. Sono invece le attività umane a poterlo essere; specialmente se sono espresse nell’ambito naturale e culturale adatto”

“Diciamo quindi stop alla realizzazione di lavori nati principalmente per accedere a fondi governativi – conclude Casapound – senza un vero piano organico di rispetto, oltre che di  riqualificazione, delle periferie. Chiediamo inoltre a tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale di convocare una seduta aperta agli interventi di tecnici e delle associazioni dei residenti, in modo che davvero si possa parlare di progettazione partecipata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.