Opere pubbliche, Colucci: “Se sono ferme la colpa è della Provincia”

L'esponente dei Riformisti Toscani per Italia VIva interviene sul tema della conformità urbanistica del ponte sul Serchio

Ponte sul Serchio senza conformità urbanistica, interviene Francesco Colucci dei Riformisti Toscani per Italia Viva. E addossa la responsabilità dell’errore al presidente della Provincia, Luca Menesini.

“Come Riformisti Toscani – dice – ci sembra grave non solo aver fatto questo pesantissimo errore, che porterà a nuovi importanti ritardi nell’esecuzione del ponte, ma anche aver provato a nascondere le responsabilità della Provincia, cercando di scaricarle sul Comune di Lucca. Se si tiene conto che, sia sugli assi viari sia sul nuovo casello di Mugnano, in territorio di Lucca, è il presidente della Provincia che tiene tutto bloccato per sostenere i propri disegni come sindaco di Capannori, emerge chiaro di chi sono le responsabilità se le principali opere pubbliche del nostro territorio non partono mai, nonostante sia finanziate da tempo”.

“Quello che stupisce è l’assenza di ogni presa di posizione del Pd – dice Colucci – sia provinciale sia lucchese quando è di così palese evidenza che il presidente della Provincia unisce il fare errori amministrativi e politici rilevanti, a privilegiare gli interessi del suo Comune di Capannori a scapito di quelli di Lucca e della Valle del Serchio. Il blocco delle opere pubbliche danneggia tutte le categorie economiche lucchesi sia per i mancati lavori che per l’indotto che questi avrebbe determinato”.

“Non stupisce invece l’assenza di ogni politica seria di opposizione e controllo dei partiti del centrodestra – conclude – sempre barricadieri su ogni piccola cosa e sempre assenti sulle grandi questioni che possono determinare lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio. Urlatori sulle piccole cose, orbi sulle grandi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.