Quantcast

Voto bipartisan dopo la bagarre per il rilancio di via dei Fossi

Approvate la mozione di SiAmo Lucca e un ordine del giorno incidentale della maggioranza

Valorizzazione di via dei Fossi, ok a mozioni e ordini del giorno di minoranza e maggioranza. Il tutto alla fine di un lungo dibattito dove non sono mancati i toni accesi.

La mozione è stata presentata e illustrata dal capogruppo di SiAmo Lucca, Remo Santini, e riguarda la valorizzazione dell’area e il rilancio anche in senso turistico della zona.

“L’argomento della valorizzazione – ha detto nella presentazione – si è rinvigorito in particolare a seguito del successo di alcume manifestazioni che si sono organizzate, come ad esempio I Fossi dell’Arte. Ritegno che sia un’area dove occorre intervenire anche in seguito a quanto è successo in questi mesi. Il Comune ha bisogno di redistribuire i flussi di un tempo e si potrebbe così cogliere questa occasione per accontentare non solo i turisti ma anche i lucchesi”. “Penso che un percorso di valorizzazione – ha chiuso – non rappresenti la vittoria di una parte politica rispetto a un’altra ma una cosa positiva per la città”.

La mozione indica anche un percorso che prevede anche la realizzazione di una serie di confronti in commissione per arrivare ad una vera road map di interventi per il rilancio della via.

In Consiglio mozione di SiAmo Lucca per la valorizzazione di via dei Fossi

Un ordine del giorno alternativo arriva dal capogruppo del Pd, Renato Bonturi. Nel testo si impegna l’amministrazione comunale “a promuovere, in coerenza con la progressiva opera di riqualificazione della zona est del centro storico, interventi mirati a restituire maggiore decoro a attrattività anche alla zona di via del Fosso e dello Stellario, quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, il recupeor della fontana storica del Nottolini, della parte murata del condotto pubblico, della pavimentazione in pietra di piazza dello Stellario, della Madonna dello Stellario” e “ad attivarsi in collaborazione anche con gli altri enti competenti per la valorizzazione del condotto pubblico in chiave turistica e culturale anche con la promozione di eventi e attività collegate”.

In sostanza la mozione del consigliere Pd mira a contestualizzare il recupero di via dei Fossi all’interno della riqualificazione, in parte già portata avanti, dell’area est della città.

Il consigliere del Movimento Cinque Stelle, Massimiliano Bindocci ha invitato a fare un percorso ragionato, anche in commissione, fra enti, fondazioni bancarie e privati, per la valorizzazione dell’intera zona di via dei Fossi. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il consigliere di Casapound, Fabio Barsanti. Tante le proposte come quella dell’illuminazione della zona e la sua parziale pedonalizzazione. Le ipotesi, non necessariamente alternative, sono quelle di una valorizzazione artigianale diurna dell’area o di divertimento con una serie di locali per la vita notturna.

Di scarsa attenzione verso le esigenze dei cittadini parla Alessandro Di Vito (SiAmo Lucca), che esprime anche un certo fastidio per la ‘contromozione’ della maggioranza sul tema. Rigettano la ricostruzione della mancanza di confronto i consiglieri Maria Teresa Leone di Lucca Civica e Daniele Bianucci di Sinistra con Tambellini, protagonisti, assieme al capogruppo Pd Bonturi, di una serie di incontri con i cittadini al circolo Arci di via Santa Gemma.

L’intervento di Bianucci provoca una levata di scudi dai consiglieri di SiAmo Lucca, Enrico Torrini e Cristina Consani, che rigettano l’accusa di carattere “elettoralistico” della mozione che peraltro era stata presentata a novembre 2019.

A parlare sul tema è anche il sindaco, Alessandro Tambellini, che ricorda l’impegno dell’amministrazione per la valorizzazione della zona, compreso il sostegno all’iniziativa dei Fossi dell’Arte. Occasione anche per fornire una notizia di giornata: “Nella mozione si parla – dice il sindaco – di cercare la collaborazione delle fondazioni. Proprio oggi la Fondazione Banca del Monte di Lucca ha approvato l’intervento per il restauro della Madonna dello Stellario”. Il sindaco ha poi enunciato tutti i progetti per le strutture della zona, dal Mulino San Jacopo alla Vecchia Guardia, con un occhio comunque al contesto. Per il sindaco, ad esempio, non c’è spazio per aprire locali nella zona, in quanto densamente abitata: “Attenzione – dice – a voler fare di via dei Fossi i navigli lucchesi. Il paragone a mio parere è improponibile”.

L’intervento del sindaco provoca le repliche dei consiglieri Alessandro Di Vito (SiAmo Lucca), Massimiliano Bindocci (M5S) e Fabio Barsanti. Per gli ultimi due l’invito è quello di abbassare i toni e di accettare, quando arriva, la collaborazione della minoranza nelle proposte di rilancio e riqualificazione della città

Per il capogruppo di SiAmo Lucca, Remo Santini, che rigetta i toni caldi del dibattito, l’interesse deve essere per il bene della città. L’invito è a votare entrambe le mozioni presentate, quella di opposizione e quella di maggioranza.

Interviene anche il consigliere del Pd, Roberto Guidotti che ricorda come è di solito la maggioranza, nella prassi consiliare, a subire una sorta di ‘ostruzionismo’ dall’opposizione sugli atti presentati: “Una volta per uno – ha commentato – e siamo pari”.

Alla fine del dibattito la mozione Santini ha ricevuto 8 voti favorevoli (Barsanti, Minniti, Bindocci, Barsella, Buchignani, Santini, Di Vito, Consani) con la maggioranza che si è astenuta ed è stata approvata. L’ordine del giorno della maggioranza è invece stato votato all’unanimità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.