Tetti (Europa Verde) scrive alle Sardine: “Diamo alla Toscana lo sviluppo che merita”

Nella lettera l'invito a unire le forze per la tutela delle Apuane, delle bellezze artistiche e ambientali della regione

Diamo insieme alla Toscana lo sviluppo che merita“. Con questa premessa Eros Tetti, fondatore di Salviamo le Apuane e membro di Europa Verde ha inviato una lettera aperta alle Sardine della Toscana e al fondatore del movimento Mattia Santori.

Una lettera che muove dalle dichiarazioni rilasciate da Sartori a La Repubblica: “Quello che chiediamo a Giani è darci una visione, farci capire, sognare, dirci che la Toscana sarà la regione leader sull’ecologia, che darà il nido gratis, la sanità per tutti, che agevolerà chi fa figli. Faccia riscoprire la sinistra con le idee, altrimenti la gente non sa più cos’è”. Da qui la riflessione di Eros Tetti. “Tante persone fisiche, idee, comitati, gruppi, iniziative territoriali, giovani agricoltori, commercianti, produttori della montagna appenninica ed apuana e delle città toscane sono impegnati con me, anche nelle elezioni regionali, non solo per fermare un potenziale governo di destra che non può essere adeguato alla delicatezza, gentilezza, sensibilità culturale che necessita alla fragilità della Toscana, frutto di una storia e cultura straordinarie, ma soprattutto perché abbiamo un sogno – spiega il rappresentante di Europa verde -. Un sogno che si svolge fuori dai palazzi, nella terra toscana e che vede nel governo e nelle elezioni uno strumento fra tanti per salvaguardare la Toscana e darle quello sviluppo che merita. Ed io sarò, come indipendente, in queste elezioni in Europa verde, progressista e civica, all’interno del centrosinistra, per rappresentare tutti loro”.

“Nel programma elettorale abbiamo spiegato bene cosa significhi, per noi, la parola ‘sviluppo’, recuperandone il suo vero significato letterale: sviluppo come scioglimento di un viluppo, di un nodo e, dunque, il nostro impegno è lo studio e il progetto per sbloccare i nodi che avviluppano la Toscana ed ottenere il risultato sperato senza dover consumare suolo, inquinare, costruire megaopere – spiega Tetti -. Sciogliere i nodi con l’intelligenza, l’innovazione, il ‘genio’ di cui la Toscana passata ha dato prova al mondo. Il sogno di armonizzare il lavoro con l’ambiente e superare, con lo sviluppo dei nodi, lo stallo e il conflitto che c’è oggi. Così, dalle Alpi Apuane, gravissima questione ambientale che va ben oltre il livello locale, dove alla chiusura delle cave nel Parco regionale colleghiamo l’attivazione di laboratori del marmo per l’arte, il design, e tante proposte per una grande riorganizzazione turistica sostenibile, il controllo del territorio dal terremoto,  dalle alluvioni, dagli incendi e la sovranità alimentare tramite la crescita di aziende agricole a filiera corta di giovani donne e uomini, nella costruzione di cooperative di comunità, creando nuovo lavoro buono e non usurante, ricollocando i lavoratori e aprendo una lunga stagione di sostenibilità, senza perdere occupazione e risanando la grande ferita ambientale”.

“Così sarà in Amiata, in Val d’Orcia, e nelle terre della geotermia, e ovunque comitati stanno indicando nuove strade per armonizzare lavoro e ambiente – va avanti Tetti -. Così sarà nelle grandi città d’arte, a partire da Firenze, dove limitare la monocoltura del turismo, oggi asfissiante, ed armonizzare il turismo con l’apertura al territorio circostante e con una riqualificazione dell’offerta culturale, turistica, di godimento del bello e del buono, con i 5 sensi più uno (la cultura e l’emozione).
E il sogno è quello di rilanciare e riprendere il Buon Vivere Toscano, così affascinante per quanti guardano alla Toscana dal mondo, fatto di buon mangiare e buon bere, di stare all’aperto, insieme, in allegria toscana e godere di bellezze artistiche, storiche, ambientali e di qualità della vita, di lentezza e serenità. E ancora il sogno, per me dirigente della cooperativa sociale Odissea che accoglie rifugiati migranti, è creare reale inserimento dei nuovi abitanti della Toscana, nel lavoro, nei quartieri, nello scambio fra diverse culture”.

“Ed io, leader di un grande movimento per le Apuane e già presidente della Rete dei Comitati Toscani, ho scelto di contribuire a cercare e disegnare questo sogno, di spingere le componenti più attente del centrosinistra e comunque della società toscana a sognare. E ho ritenuto che si possano ottenere molti risultati e dare molta efficacia all’azione anche partecipando alle elezioni, come indipendente, nelle liste di Europa Verde, progressista e civica, in forma critica ma responsabile, con il centrosinistra – conclude Tetti -. Convinto di raggiungere due obbiettivi: fermare una destra inadeguata e inaccettabile per la Toscana e, nel contempo, rafforzare i giovani contadini che tornano ad abitare l’Appennino e le cooperative di comunità che iniziano a rivitalizzare ed autogovernare i borghi montani e rurali, dare rappresentanza democratica diretta alla gente dei quartieri urbani, basandoci sulle risorse del territorio, inserire, con coraggio e innovazione, i nuovi arrivati immigrati nella produzione agricola e nelle comunità, ricostruire le tante diversità culturali esistenti nella Toscana, fare della Toscana un faro di civiltà e pace che la sua collocazione euromediterranea le consente. Chiediamo alle Sardine Toscane di confondersi nel mare in cui anche noi navighiamo, liberando non solo tante spiagge toscane, oggi imbottigliate in una monocoltura balneare che tutto privatizza ma anche quelle lunghe coste che videro la grande civiltà degli Etruschi confrontarsi con tutti i popoli del mare, dall’Africa all’Asia (la seta di Lucca)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.