Toscana a Sinistra, ecco i candidati del collegio di Lucca

Fra i nomi l'ex vicesindaco di Pietrasanta Lazzerini e l'ex consigliera comunale di Lucca Roberta Bianchi. Priorità all'ambiente e alla sostenibilità

“In teoria le spiagge sono un bene comune e appartengono a tutti, in pratica vi sono ampi tratti di costa inaccessibili a meno che non si sia disposti a pagare sdraio e ombrellone e le spiagge libere sono un miraggio. A maggior ragione in una fase di crisi economica, per molte famiglie diventa proibitivo il costo di una giornata al mare. L’accesso e il godimento del mare e delle nostre spiagge è però un diritto e in ciascun comune le spiagge libere dovrebbero essere almeno la metà dell’arenile effettivamente utilizzabile”. Lo ha ribadito oggi il candidato presidente della Regione per Toscana a Sinistra Tommaso Fattori, presentando simbolicamente sulla spiaggia di Lido di Camaiore la lista della circoscrizione di Lucca per le elezioni regionali del 20-21 settembre.

“Purtroppo vi sono zone dove i comuni hanno dato in concessione ai privati quasi tutto l’arenile utilizzabile e per questo, nel corso della legislatura appena terminata, abbiamo presentato una proposta di legge per riprenderci le spiagge. I beni comuni e la ripubblicizzazione dei servizi essenziali, a partite dall’acqua, sono punto centrale del nostro programma di governo”.

“Molti sono i problemi del territorio lucchese e versiliano sui quali continueremo a impegnarci – ha aggiunto Fattori – a cominciare dall’ambiente. Vogliamo fermare il folle progetto dell’asse di penetrazione di Viareggio, che sventrerà la pineta. E non molto distante da qua c’è il simbolo della vecchia politica che vogliamo lasciarci alle spalle: cava Fornace. Da anni ribadiamo che le alternative alle discariche di amianto esistono e il consiglio regionale ha già approvato la nostra proposta di incentivare la nascita e la diffusione di impianti industriali capaci di inertizzare i rifiuti contenenti amianto, salvo il fatto che poi la Giunta regionale non si è mossa di un millimetro, e si continua a far conferire amianto alla cava, che andrebbe invece chiusa immediatamente. L’inertizzazione consentirebbe nascita di un’economia circolare di sottoprodotti riutilizzabili in edilizia e in cantieristica”.

“Altro progetto vecchio e sbagliato è il pirogassificatore, un progetto di incenerimento degli scarti di pulper di cartiera utile soltanto alla Kme per abbracciare il business dei rifiuti. In questi giorni di schermaglie elettorali il tema è passato in secondo piano ma la conferenza dei servizi ha messo nero su bianco che il progetto di piattaforma energetica nello stabilimento Kme non ha le condizioni minime per andare avanti. E anche qui esistono alternative di vera economia circolare su cui puntare, come Ecopulplast”.

I candidati nel collegio di Lucca

Francesca Trasatti
avvocata penalista, si occupa, tra l’altro, di questioni legate alle carceri, a migranti e richiedenti asilo, agli sgomberi dei campi rom, di diritto alla casa e all’abitare, e di processi a seguito di contestazioni politiche (come G7 Lucca e picchetti antisfratto).

Filippo Barsi
22 anni, laureando in storia contemporanea all’università di Pisa, capo scout Cngei da alcuni anni e portavoce dei Giovani Comunisti di Lucca, è stato impegnato in varie iniziative sociali e culturali nella Valle del Serchio. Originario di Borgo a Mozzano, vive a Lucca da tre anni.

Roberta Bianchi
69 anni, insegnante in pensione, è stata due volte consigliera comunale del Comune di Lucca e attiva nel mondo del sindacato. Ha portato avanti la battaglia contro il nuovo ospedale San Luca, uno dei quattro grandi ospedali costruiti con il project financing.

Federico Camici Roncioni
39 anni, operatore sociale. Oltre alla sua attività professionale che lo porta a occuparsi da vicino di marginalità sociale, soprattutto in unità di strada e attività di ricerca sui fenomeni del lavoro nero e grigio. Da sempre attivo politicamente, fa parte della Casa del Popolo di Lucca con cui porta avanti sportelli sociali e attività di mutualismo.

Ersilia Raffaelli
donna libera che ama stare in relazione autentica con donne e uomini. Coniugata, ha una figlia e una nipotina. È una pedagogista, ex insegnante e operatrice psicopedagogica, attualmente presidente della Casa delle Donne di Viareggio – Centro Antiviolenza L’una per l’altra.

Andrea Dini, dipendente nel settore del commercio all’ingrosso, è attivo nel sindacato, ha fatto parte per due anni del direttivo provinciale della Filcams e del direttivo confederale provinciale della Cgil

Antonella Serafini
storica d’arte, da sempre si occupa di arte e cura del patrimonio territoriale, è attualmente docente di Lettere. È attiva nell’ecologismo e da sempre impegnata nei comitati come quello contro l’asse di penetrazione di Viareggio.

Pietro Lazzerini
56 anni, è stato consigliere comunale, assessore al sociale, vicesindaco di Pietrasanta, nonché consigliere provinciale. Da sempre impegnato nel sociale, è attivo politicamente dall’età di sedici anni come responsabile del dipartimento giovani di Dp. Da otto anni presidente del circolo Terzo Mondo di Pietrasanta.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.