Italia Viva, Alberto Baccini capolista per le regionali 2020 foto

Per la Valle del Serchio e la Garfagnana in lista Arturo Nardini e Tania Franceschini

Quattro donne e 4 uomini, 2 donne e due uomini per la Versilia e 4 i candidati della Lucchesia con capolista Alberto Baccini, di origini garfagnine ma cresciuto fra Lucca e Porcari, Comune quest’ultimo di cui è stato sindaco prima di Leonardo Fornaciari.

La lista Italia Viva + Europa per il collegio di Lucca lancia la volata, presentandosi alla città. Confermata la presenza, come era nelle attese, di Baccini che fra l’altro ha avuto esperienze politiche anche in consiglio provinciale e come presidente di Aquapur Multiservizi spa ed è stato assessore e vice sindaco di Porcari.

“Italia Viva sarà determinante per le elezioni del presidente della Regione, ma ancora più fondamentale sarà, per noi candidati, rappresentare il proprio territorio. Perché oggi più che mai, c’è bisogno di un contatto diretto con le persone – dice Alberto Baccini –. La piana di Lucca fornisce più del 50 per cento del sistema produttivo di tutta la provincia, ed è un territorio che va tutelato, in particolare quel tessuto economico e sociale rappresentato dalle piccole attività che a causa della pandemia stanno morendo”.

La capolista donna dopo Baccini sarà Maria Grazia Previti detta Gaia, una giovane donna lucchese doc. New entrydella politica ma con grande professionalità lavorativa: è infatti stata consulente di importanti aziende in Italia e all’estero fino a che, nel 2002, giunge a Lucca dove apre e gestisce una società di recruiting affermata in tutta la Toscana.

“I focus sui quali voglio porre l’attenzione con la mia candidatura per Italia Viva sono tre, la scuola, i ragazzi e l tempo libero – dice Maria Grazia Previti – In particolare voglio sottolineare che, nonostante la provincia di Lucca sia la seconda dal punto di vista economico nella regione Toscana, occorre una maggior offerta nel sistema scolastico”.

In Mediavalle del Serchio si presenta Artuto Nardini, una vita spesa nella rete ferroiaria italiana ma anche come amministratore fra Comune di Barga e Provincia.

“Voglio ricordare il lavoro portato avanti nel settore turistico in questi ultimi anni, del quale mi sono occupato personalmente – dice Nardini –. Uno dei primi interventi che ho voluto proporre è stato quello di creare un collegamento tra media valle, Garfagnana e Versilia, creando tra queste tre realtà un turismo di scambio. Il settore turistico è uno dei cardini del programma politico presentato, occorre un maggior impegno della politica nel voler bene al proprio territorio”.

La Garfagnana vede la candidatura di Tania Franchini, nata a Barga ma residente a Gallicano. E’ stata componente della segreteria territoriale del Pd lucchese.

“Fino a non molto tempo fa sono stata nella segreteria del Pd per la candidatura di Marco Remaschi. Non voglio dilungarmi sulle vicissitudini patite e nemmeno sulle polemiche che si sono susseguite – dice Tania Franchini –. Se non fai politica la subisci, sono queste parole che mi hanno dato l’entusiasmo per affrontare questa nuova sfida e ho voluto mettermi a disposizione per il mio territorio. Nel Pd era impensabile portare avanti progetti condivisi e quindi ho deciso di abbandonare, adesso grazie a Italia Viva ho la possibilità di partecipare ad un progetto importante ed in particolare voglio concentrarmi sul settore turistico. Il turismo è un bene importante per la nostra economia e non si investe abbastanza in questo settore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.