Baldini (Lega): “Preccupazione per il futuro incerto della Pierini Navi”

Il capogruppo leghista: "Ancora nessuna linea guida chiara"

“Torno a ribadire che l’evolversi delle vicende del futuro della Perini Navi è motivo di grande preoccupazione da parte nostra e le ultime notizie in merito alle trattative in atto non sgombrano di certo il campo dai dubbi che avevamo, anzi semmai si aggravano”, così interviene Massimiliano Baldini, capogruppo della Lega in Comune a Viareggio e candidato al consiglio regionale per il partito di Matteo Salvini.

“I tempi della procedura concorsuale stanno scorrendo inesorabili e non ci pare vi sia ancora chiarezza nella linea da intraprendere a sostegno del futuro dell’azienda e dei lavoratori. Proprio la sorte di questi ultimi – continua il candidato – ci stanno particolarmente a cuore, anche perche’ una eventuale evoluzione negativa del concordato sarebbe devastante per tutti, indotto compreso, gia’ fortemente penalizzato dal blocco delle attività2..

“E del resto, quanto adombrano i rappresentanti di Cgil circa uno spezzettamento delle attività, non può certo lasciarci sereni in quanto al futuro della Perini Navi e’ legata gran parte delle attivita’ della Darsena.
Ribadisco la disponibilità della Lega ad incontrare tutte le parti in causa, come ho fatto presente agli stessi rappresentanti dei sindacati con i quali ho parlato ed a mettere a disposizione ogni strumento utile per favorire una evoluzione positiva della vicenda”, afferma Baldini. 

“Le Istituzioni devono fare tutte la loro parte – conclude Massimiliano Baldini – non possiamo certo permetterci che Perini naufraghi senza che ogni sforzo utile alla salvaguardia di questa grande azienda sia portato in fondo nel tentativo di salvare tante famiglie di lavoratori e tanti artigiani e piccoli imprenditori che hanno vissuto e vivono grazie al lavoro garantito dal prestigioso marchio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.