Viareggio Democratica: “Per il porto c’è bisogno della via del mare”

Ecco il programma della lista civica

Contrasto all’esodo della cantieristica: è questo il nodo del programma per il porto di Viareggio Democratica.

“Il porto – spiega la lista – è una delle risorse fondamentali per tutta Viareggio. L’attuale amministrazione ha compiuto un successo riacquisendo lo scalo turistico della madonnina e costruendo la banchina commerciale. È evidente come però esistano dei limiti strutturali alla crescita di questa fondamentale infrastruttura, che spinge molti cantieri a fuggire nei porti limitrofi e che ci impedisce di diventare un approdo per il turismo estivo portato dalle imbarcazioni e dalle navi da diporto”.

“La crescita del porto secondo noi ha bisogno della Via del Mare, che unisca l’area produttiva (Bicchio) con l’area di finitura e allestimento (zona Darsena); agevolazioni fiscali alle aziende; sabbiodotto stabile e valutazione progetti specifici per mantenimento navigabilità; razionalizzazione delle concessioni demaniali, degli spazi dentro e fuori acqua del porto; snellimento procedure burocratiche del porto e dell’Autorità Portuale;  servizio di smaltimento delle acque nere per yacht; box per il conferimento pescato plastico e rifiuti speciali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.