Menesini in commissione alla Camera: “Recovery fund, soldi ai territori” foto

Il presidente della Provincia indica le priorità in scuola, sanità, lavoro, ambiente e strade

“I soldi del recovery fund arrivino sul territorio”. E’ la richiesta che fa il presidente della provincia di Lucca, Luca Menesini che questa mattina, in rappresentanza dell’Upi nazionale, si è recato a Roma. La richiesta è stata formalizzata durante l’audizione alla commissione bilancio della Camera dei Deputati.

“Ho chiesto – ha spiegato Menesini – che i soldi europei del recovery fund arrivino sul territorio. Questa è la vera sfida: spenderli bene, che servano a migliorare la vita delle persone e delle piccole e medie attività che oggi soffrono. I settori chiave: scuola, sanità, lavoro, ambiente e strade”.

Luca Menesini ha ribadito la necessità che il piano su cui stanno lavorando Governo e Parlamento dia piorità agli investimenti sul territorio. “Serve il pieno coinvolgimento di tutte le istituzioni. Le nostre proposte sono concrete ed immediatamente attuabili – ha sostenuto -. Sono pienamente centrate sugli asset chiave del piano, dalla transizione ecologica e digitale all’istruzione al potenziamento delle capacità della pubblica amministrazione. Inoltre, possono essere realizzati su tutto Paese, in maniera uniforme, e questo consentirebbe a tutti i territori di partecipare alla ripresa economica e allo sviluppo ed uscire da questa crisi senza precedenti”.

Nel dettaglio, il piano presentato dall’Upi prevede investimenti sulla scuola, dalla costruzione di almeno una scuola superiore altamente innovativa, digitalizzata ed eco sostenibile in ogni Provincia, alla digitalizzazione ed efficientamento energetico delle oltre scuole 7.400 superiori esistenti, per un totale di circa 11 miliardi.

Per quanto riguarda le infrastrutture, è stato proposto un piano di modernizzazione e messa i sicurezza dei 122 mila chilometri di strade provinciali, insieme ad un piano per gli oltre 40 mila ponti, viadotti e gallerie dalle verifiche di stabilità alle costruzioni di nuove infrastrutture, per un totale di circa 7 miliardi.
A questi investimenti in opere le Province affiancano la proposta di creare 100 Centri di competenza, nei quali concentrare professionalità altamente specializzate, in grado di fornire sia a livello territoriale che nazionale, indirizzi, programmi e progetti di sviluppo ed investimento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.