Quantcast

Commercio ambulante, Fantozzi e Staccioli: “Creare fondo per il settore”

I candidati: "La Regione si è distinta per immobilismo e insensibilità verso questo ambito"

“In questi lunghi mesi di Covid-19 che hanno messo a dura prova tutte le attività commerciali, compreso il commercio ambulante, la Regione Toscana si è distinta per immobilismo e insensibilità soprattutto verso quest’ultimo settore”.

Così Vittorio Fantozzi e Marina Staccioli, candidati consiglieri regionali per Fratelli d’Italia, che commentano: “C’erano tutte le condizioni per poter creare un fondo, magari gestito dai comuni, destinato alla tutela del commercio ambulante, davvero sfiancato dal lungo lockdown”.

“Il fondo – proseguono – potrebbe servire per compensare i comuni della mancata riscossione della tassa sul suolo pubblico che per ovvie ragioni i commercianti ambulanti non hanno potuto pagare. Le botteghe di quartiere, così come il camioncino del commercio ambulante, rappresentano per noi di Fratelli d’Italia una risorsa identitaria insostituibile che va protetta e tutelata dall’avanzata dei mega centri commerciali che tutto inghiottono e tutto annullano”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.