Di Vito: “Sanità, cambiare passo per alleggerire i pronto soccorso”

Ecco le proposte del candidato di Toscana civica

Credo fermamente nella sanità pubblica, mi sono sempre impegnato nel rispetto della legge numero 833 del 1978 che ha istituito il servizio sanitario nazionale, un’opera d’arte dal punto di vista legislativo che ha garantito a tutti i cittadini la tutela della propria salute”.  Lo afferma il medico del pronto soccorso Alessandro Di Vito, candidato come capolista di Toscana Civica per il cambiamento in provincia di Lucca alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre.

“Una tutela che deve avvenire nel rispetto della dignità e della libertà della persona – continua  Di Vito -. Ma mentre il servizio sanitario nazionale persegue questa direzione che riguarda tutta la popolazione senza distinzione di condizioni individuali o sociali, la regionalizzazione ha creato disuguaglianze sanitarie da regione a regione e la Toscana, a Lucca in particolar modo, ha programmato in modo tale che una maggior quantità di risorse fossero spostate al privato, invece di organizzare il proprio territorio dal punto di vista diagnostico e assistenziale utilizzando le importanti risorse strutturali”.

Prosegue Di Vito: “Ecco perché i Pronto Soccorso della nostra area territoriale provinciale sono oberati di attività che non è di loro competenza, ma in oltre venti anni la Regione Toscana non ha modificato niente, e drastica è stata la riduzione dei posti letto rispetto alle altri parti d’Italia : -1,4 per mille abitanti, che su una popolazione di 170.000 persone si traduce in 221 posti letto in meno. Di conseguenza si è determinata una ridotta possibilità di accesso alle cure e, grazie anche alla disattenzione dei sindaci, si è scaricato sulle famiglie un maggior carico assistenziale. E poi aggiungiamo i ricoveri brevi e dimissioni precoci; le criticità mai affrontate, le falle del modello per intensità di cure; la schiavizzazione di tutti gli operatori sanitari costretti ad un’organizzazione del lavoro imposta e non condivisa; un ospedale per acuti che non tiene conto dell’invecchiamento della popolazione; il pendolarismo sanitario per visite e diagnostica che ti porta ad oltre 50 chilometri da casa – aggiunge  il candidato di Toscana Civica – la mancata pianificazione della riabilitazione ospedaliera: la chimera che dura da vent’anni dell’ospedale unico in Valle del Serchio che avrebbe portato solo benefici; l’utilizzo improprio delle risorse strutturali ed economiche e la mancata pianificazione di un territorio ancora abbandonato a se
stesso”.

Ma ecco la proposta di Alessandro Di Vito. “Combatterò per una nuova progettualità che veda il territorio e l’ospedale uniti come un corpo unico, finalizzato allo stesso obiettivo di salute. Superiamo l’attuale divisione e uniamo quello che già c’è in un sistema organizzato che cammina a braccetto, creando un’unica cabina di regia con modus operandi simile al sistema famiglia – conclude -. Lucca può sperimentare questo nuovo modello organizzativo perché avrebbe già in sé tutte le funzioni, le strutture e gli operatori per implementarlo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.