Fabbriche, Giannini: “Intitoliamo una piazza a Matteoli”

Il sindaco lancia l'idea per ricordare il senatore scomparso tragicamente tre anni fa

Intitolare una piazza di Fabbriche di Vergemoli ad Altero Matteoli: questa la proposta che giunge oggi da Michele Giannini – sindaco del Comune e candidato al Consiglio Regionale con Fratelli d’Italia – a tre anni dalla tragica scomparsa dell’ex parlamentare che, l’8 settembre scorso, avrebbe compiuto 80 anni. 

“Matteoli – dichiara Giannini – ha sempre rappresentato una figura di riferimento per l’intero territorio lucchese, dalla città fino alla Valle del Serchio. Nessuno può dimenticare tutto il suo impegno ed il modo in cui si è prodigato, nel corso degli anni, per fare in modo che i luoghi in cui viviamo diventassero migliori sotto molteplici punti di vista. Servizi essenziali, sicurezza, sostegno alle imprese, capacità di ascoltare le istanze della gente comune: lui, con la sua opera instancabile, riusciva nella missione impervia di garantire tutto questo”.

“Un testimone difficile da prendere, ma l’insegnamento deve essere tramandato”, suggerisce. “Quando ci ha lasciati improvvisamente – ricorda il candidato – in tutti noi si è creato per qualche giorno un vuoto immenso. Poi ci siamo detti che bisognava reagire ed il modo migliore per farlo era portando avanti il suo messaggio. Altero aveva la capacità, più unica che rara, di riuscire a cogliere le necessità delle persone: molteplici gli interventi di messa in sicurezza del territorio realizzati grazie al suo impegno, in tutta la Garfagnana e nello specifico in diverse parti del nostro territorio comunale, sia di Vergemoli che di Fabbriche di Vallico; così come, ricordo bene,  si attivò con grande impegno per assicurare i fondi necessari all’estensione della rete fognaria sul territorio della Valle, un fatto di civiltà, ma anche per metterlo in sicurezza sotto ogni profilo, prestando grande attenzione ai temi del potenziale rischio idrogeologico ed attivandosi in prima persona per assicurare una vita serena ad intere comunità. Da politico lungimirante sapeva bene come la vera forza del Paese fosse racchiusa nella piccola e media imprenditoria: le sue battaglie per sostenerla e difenderla sono un monito che non dimenticheremo mai”.

“Per questo – conclude il candidato al consiglio regionale – visto che stiamo terminando un area di sosta a Vallico di Sopra ed a breve ne sarà pront  una nuova a Fabbriche di Vallico intitolarne una delle due ad Altero ci sembra un gesto doveroso, un tributo alla memoria dell’uomo – prima ancora che politico – che ha saputo fornire un esempio oggi sempre più raro: saper mettersi in silenzio, riuscendo ad interpretare i bisogni reali della gente. Quindi passare all’azione, concretamente, lasciando che a parlare fossero sempre i fatti. Esattamente la linea che adotteremo se i cittadini ci accorderanno la loro fiducia alle prossime elezioni regionali.”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.