I Giovani Democratici per il no al referendum

Gli esponenti delle lista: "Si tratta di un riforma incompleta"

I Giovani Democratici della Versilia si schierano per il no al referendum costituzionale del 20-21 settembre.

“La Federazione dei Giovani Democratici della Versilia – si legge in una nota – ha seguito attentamente il dibattito che si è creato attorno alla riforma costituzionale oggetto del prossimo referendum confermativo e, coscientemente con i valori di un centro-sinistra progressista e riformista, ha deciso di schierarsi pubblicamente per il no”.

“Non siamo contrari in principio a una riduzione dei parlamentari – dicono – ma questa riforma risulta incompleta e inorganica e non risolverebbe certamente i problemi di malcostume politico, che rientrano nella sfera della gestione interna dei partiti, e anzi aumenterebbe per come è strutturata il problema della scarsa rappresentanza di tanti territori e minoranze nel Parlamento nazionale. Non è sufficiente un taglio di un terzo dei Parlamentari, con un risparmio irrisorio per i conti dello Stato, a sanare i vulnus decisionali e democratici del nostro Paese” affermano i Giovani democratici Versilia “perciò invitiamo tutti i cittadini e soprattutto i giovani ad informarsi attentamente in questi ultimi giorni di campagna referendaria. Noi, fuori dagli schemi e dalle logiche partitiche, votiamo no”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.