Bianchi (Toscana a Sinistra): “Un voto per noi per la sanità pubblica, gratuita ed efficiente”

La candidata lucchese: "Sono stata l'unica a votare in Consiglio a Lucca contro il nuovo ospedale San Luca"

È Roberta Bianchi, candidata per Toscana a Sinistra alle elezioni regionali nel collegio lucchese a proseguire nell’elenco delle interviste ai candidati per la consultazione di domenica e lunedì.

È stata una campagna elettorale molto combattuta anche se breve e condizionata dal Covid-19; quale sarà il motivo principale che convincerà gli elettori a far vincere la sua coalizione?
Non c’è solo un motivo che può convincere gli elettori a votare la nostra coalizione. Tutto il nostro programma è un motivo. Noi vogliamo una sanità pubblica, gratuita, efficiente ed accessibile a tutti e che la scuola pubblica torni ad essere una priorità. Vogliamo realizzare un piano speciale per l’edilizia residenziale pubblica e un turismo diffuso che valorizzi le bellezze artistiche e naturalistiche; una politica industriale verde in grado di vincolare i soldi pubblici alla riconversione ecologica delle produzioni e alla creazione di posti di lavoro stabili. Vogliamo rafforzare la parità di genere. Questi, in estrema sintesi, i motivi per cui la nostra lista deve essere votata. Aggiungo a questi motivi, la coerenza con cui il nostro candidato presidente, nei passati cinque anni di consiliatura, ha portato avanti i nostri obiettivi, attraverso un’opposizione forte e propositiva.

Ogni candidato si è caratterizzato per un elemento di programma originale e creativo: quale ritiene di essere il suo cavallo di battaglia?
Permettetemi innanzi tutto una considerazione: non capisco cosa si intenda in politica essere originali e creativi. La politica deve fare proposte “concrete” per dare risposte ai problemi delle persone. A parer mio l’originalità e la creatività attengono più alla sfera dell’arte che della politica. Detto questo, il tema su cui sento di dover lottare di più (per rimanere nell’ambito della battaglia) è la sanità. Forse ricorderete che in consiglio comunale al tempo del sindaco Fazzi sono stata l’unica a votare contro la costruzione del nuovo ospedale e mi sono battuta perchè Campo di Marte rimanesse a destinazione sanitaria. Ciò non significa che trascurerò altri temi: sono abituata a impegnarmi al massimo in tutti i campi, avvalendomi della collaborazione dei compagni, delle compagne e dei cittadini, come ho fatto quando ero in Consiglio comunale.

Perchè chiede la preferenza per rappresentare gli elettori e il suo partito a Firenze? Chi vorrebbe con sè in Consiglio regionale?
Noi chiediamo la preferenza perchè siamo diversi. La destra e il centrosinistra non dico che sono uguali, ma purtroppo perseguono gli stessi obiettivi: ulteriori privatizzazioni dei servizi e della sanità, realizzazione di grandi opere inutili e devastanti per il territorio, poche risorse per la scuola pubblica e ulteriori finanziamenti alla scuola privata. La loro storia parla per loro. Il voto dato a noi non è un voto perso come vogliono far credere agli elettori, ma è l’unico voto utile per un cambiamento.  In consiglio regionale vorrei ciascuno dei compagni e delle compagne che sono candidate con Toscana a Sinistra perchè tutti noi perseguiamo gli stessi obiettivi.

Il provvedimento per cui si batterà fino all’ultimo nei cinque anni del suo mandato
Nei cinque anni del mio mandato, mi batterò perchè la sanità pubblica sia rafforzata; perchè siano create strutture sul territorio dove i pazienti precocemente dimessi dall’ospedale possano trovare posto; perchè sia potenziata l’assistenza domiciliare; perchè siano assunti medici e infermieri perchè le persone devono poter lavorare senza essere sottoposti a ritmi di lavoro stressanti e alienanti, per ridurre le liste d’attesa perchè tutti i cittadini abbiano la possibilità di accedere in tempo alle cure. Inoltre proseguirò la mia battaglia perchè Campo di Marte rimanda a destinazione sanitaria.

Un appello al voto
Un voto alla lista Toscana a sinistra e a Tommaso Fattori presidente è un voto utile perchè è una reale alternativa alle politiche di chi è stato al governo della regione e di chi, come la destra, vorrebbe andarci per fare ancora peggio. Una terra di diritti, uguaglianza, giustizia ambientale e solidarietà. Un’altra scelta è possibile. Dipende da noi!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.