Eros Tetti (Europa Verde): “Serve un nuovo piano di mobilità green”

Il candidato alle regionali lancia a Firenze il proprio programma per le infrastrutture

“Finchè continueremo a non considerare la zona nord della Toscana come un’area vasta non troveremo soluzione ai problemi di mobilità. Abbiamo bisogno dunque  di  un progetto di mobilità che tenga conto  di questo fattore fondamentale, un piano che punti sul  modello Toscana diffusa, che rilanci un sistema di tramvie leggere e funzionali per il trasporto delle persone, in grado di coprire  anche le zone più rurali rimpiazzando in alcuni casi i treni ed avvicinandoci al modello europeo. Connettere Pisa a Firenze con l’Alta velocità, ovviamente realizzata con un sistema a basso impatto ambientale, in modo da rendere obsoleto il progetto del nuovo aeroporto di Firenze e rendere veloce anche il trasporto tra Livorno e Pisa”. È quanto ha dichiarato Eros Tetti, candidato di Europa Verde in Toscana per le elezioni regionali durante la presentazione del suo piano per la mobilità sostenibile in Toscana.

Pino che è stato illustrato oggi (17 settembre), a Firenze, nel luogo simbolico del capolinea della Linea 2 della tramvia in piazza dell’Unità, snodo fondamentale dell’intermodalità dei trasporti.

“Al contempo si deve favorire il trasporto di biciclette sulla tramvia e sviluppare piste sicure in zone adeguate in modo da alleggerire il traffico urbano – ha aggiunto il candidato al consiglio regionale per i collegi di Firenze 1, Lucca e Grosseto -. Ricordiamo inoltre che molte città della Toscana non hanno nemmeno marciapiedi per pedoni al di fuori del centro storico oppure ci sono strade di collegamento a due corsie con fossi laterali; infatti alcune zone della Toscana sono al primo posto per incidenti stradali e mortalità”.

“Oggi dobbiamo guardare alla Toscana in modo strutturale e dinamico, se veramente vogliamo risolvere i problemi della mobilità; favorire gli scambi commerciali e connettere seriamente la regione e non solo i grandi centri urbani; dobbiamo fare un piano di mobilità considerando l’insieme evitando così che nascano progetti locali che a pezzi e bocconi cercano di risolvere problemi irrisolvibili, come gli assi di penetrazione della Pineta di Viareggio o gli assi viari di Lucca oltre al progetto del nuovo aeroporto di Firenze”, ha ribadito Tetti.

“Lo stesso concetto deve essere adeguato alla città di Firenze, dove già si vedono benefici delle tramvie che hanno aiutato nel miglioramento della qualità dell’aria. Dobbiamo quindi, adesso cercare una visione più ampia e magari sposare un sistema di tramvie più leggero, dinamico che aiuti a favorire lo spostamento a piedi e in bicicletta“, ha concluso il candidato di Europa Verde che chiuderà la propria campagna elettorale venerdì 18 settembre al Foro Boario di Lucca, luogo equidistante per tutta la Provincia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.