SiAmo Lucca: “Variante Manifattura approvata senza rispettare i tempi”

Il gruppo consiliare uscito dall'aula insieme al resto dell'opposizione: "Non può esserci fretta nell'individuare le soluzioni: la Soprintendenza deve ancora esprimersi"

“La pratica della variante urbanistica per l’ex Manifattura secondo noi non poteva essere trattata nella seduta del consiglio di ieri sera, per il mancato rispetto dei tempi sia sul fronte della conoscenza e dell’approfondimento della pratica, sia per l’acquisizione di tutti i pareri prescritti dalla legge. Pregiudiziali sulla quali concordiamo, ed è questo il motivo per cui abbiamo abbandonato l’aula, non partecipando nè al dibattito né alla votazione finale”. Lo sostiene in una nota il gruppo consiliare di SìAmoLucca, che ha lasciato la seduta insieme agli altri componenti dell’opposizione.

“Sulla vicenda, l’amministrazione ha agito in maniera improvvisata e tutto l’iter seguito, con il cambio improvviso in corsa dell’impianto della variante, ha dimostrato inequivocabilmente questo – spiegano i consiglieri della lista civica Serena Borselli, Cristina Consani, Alessandro Di Vito, Remo Santini, Enrico Torrini -. Vogliamo sottolineare anche che non abbiamo mai remato contro la ristrutturazione e il rilancio del grande immobile nel centro storico, e rivendichiamo il fatto di essere stati determinati a sollevare il dibattito sulla questione, per evitare che in pochi giorni tutto venisse approvato senza che la città fosse a conoscenza dei dettagli del progetto”.

Il gruppo consiliare di SìAmoLucca conclude con un’ultima considerazione. “L’inserimento del piano attuativo nella nuova variante urbanistica, e quindi il dietrofront del Comune rispetto al permesso diretto a costruire, è sicuramente un passo avanti che va nella direzione di un maggiore coinvolgimento sulle scelte strategiche da fare e su cosa consentire di realizzare o meno nell’ex opificio – termina la nota – ma bisogna anche tenere presente che siamo di fronte ad un bene ancora vincolato, sul cui cambio di destinazione d’uso la Soprintendenza non si è ancora espressa.  E che non puo’ esserci fretta nell’individuare quale è la migliore soluzione possibile per far sì che l’ex Manifattura sud sia davvero funzionale alle esigenze del centro storico, e non rischi di diventare una cattedrale nel deserto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.