Manifattura sud, l’opposizione: “Basta con l’arroganza della Fondazione Crl”

Di Vito, Barsanti e Bindocci: "Con il piano attuativo il recupero della manifattura è maggiormente tutelato"

I tre consiglieri di opposizione Di Vito, Bindocci e Barsanti, replicano alla Fondazione Cassa di Risparmio e alle parole del presidente Marcello Bertocchini: “Inaccettabile la volontà di intimidire la politica cittadina”.

Ex Manifattura sud, la Fondazione Crl: “Cambiano le carte in tavola, valuteremo se l’investimento è ancora sostenibile”

“Registriamo ancora una volta il nervosismo e l’arroganza della Fondazione – dichiarano in una nota i consiglieri di SiAmo Lucca, M5S e Gruppo Misto – la quale probabilmente non aveva fatto i conti con la capacità e la determinazione di una parte dell’opposizione. Il passo indietro dell’amministrazione, che scontenta sicuramente chi avrebbe voluto un’operazione molto più facile e semplificata, è stato possibile solo grazie al grande lavoro fatto da noi in Consiglio e dalle associazioni. Con il piano attuativo il recupero della manifattura è maggiormente tutelato, ma occorre precisare che l’amministrazione ha modificato la variante solo perché costretta dalle scadenze e dall’assenza del parere della Soprintendenza”.

“Alla Fondazione Crl vogliamo rispondere nel merito delle minacce di querela – continuano i tre consiglieri – ricordando come sia la Fondazione stessa ad essersi calata nel dibattito pubblico cittadino, avendo l’ambizione di decidere la politica urbanistica della città, e proponendo la sua visione sulle scelte fondamentali per il futuro della città. Se decide, la Fondazione, di entrare nella logica del dibattito politico, essa deve accettare i termini e lo stile della dialettica politica. Pretendere di entrarvi senza accettare le regole dimostra ancora una volta la presunzione e l’arroganza di chi non vuole essere criticato”.

“Rimandiamo dunque le accuse al mittente – concludono – e precisiamo che non ci faremo impressionare da chi cerca, con modi molto discutibili, di intimidire la politica cittadina, sottolineando come minacciare querele non rappresenti una condotta lodevole per un ente che vuole fare del prestigio il suo punto di forza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.