Sequestro bar Monica, Italia Viva: “Provvedimento violento che suscita molte perplessità”

Il commento del partito dopo il provvedimento di chiusura del locale di Corso Garibaldi

“Il sequestro del Bar Monica in Corso Garibaldi porta ad alcune considerazioni, al di là della verità dei fatti e delle responsabilità che non sta a noi giudicare”. Così Italia viva Lucca e i suoi territori fa il punto sulla situazione economica delle attività del centro storico.

“Un provvedimento così violento in una situazione economica così fragile ferita da una chiusura per mesi di moltissime attività commerciali suscita molte perplessità – spiega il partito -. Crediamo che le violazioni alla quiete pubblica, soprattutto in questo periodo, dove il lavoro manca, debbono essere prevenute e non sanzionate e se sanzione deve esserci questa sia di tipo amministrativo. Sarebbe stato sufficiente che un paio dei dodici vigili urbani impiegati per sigillare il Bar Monica, avessero vigilato sullo svolgersi delle serate estive all’aperto, per riportare l’attività commerciale nel lecito e rassicurare i residenti. A meno che questa chiusura faccia parte di una nuova strategia sul riposizionamento delle attività del centro-storico e allora è un’altra questione, da valutare con attenzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.