Cordoglio della Cgil di Lucca per la scomparsa della presidente nazionale dell’Anpi

Il sindacato: “Ha aderito idealmente e culturalmente ai valori della resistenza e della Costituzione Repubblicana"

La segreteria provinciale, insieme a tutte le compagne e i compagni della Cgil di Lucca, esprime il proprio dolore e la propria profonda tristezza per la scomparsa della compagna Carla Nespolo, dal novembre del 2017 presidente nazionale dell’Anpi.

Da sempre protagonista delle lotte per la difesa dei diritti dei lavoratori, per la liberazione delle donne e per la pace è stata prima senatrice del Pci e poi dirigente dei Ds. Tre anni fa ha assunto il ruolo, prima donna, di presidente dell’Anpi “ed in questa veste – dicono dalla Cgil – ha operato con la consueta passione, aderendo idealmente e culturalmente ai valori della resistenza e della Costituzione Repubblicana che ha difeso fino all’ultimo quando, pur molto malata , non ha mancato di pronunciarsi per il no al referendum del settembre scorso”.

“Una vita sempre dalla parte dei lavoratori e della libertà – conclude Cgil –  La Cgil di Lucca esprime ai compagni e amici dell’Anpi provinciale la propria vicinanza e solidarietà in questo triste momento, nella convinzione che i valori e gli obbiettivi di Carla continueranno ad essere difesi e perseguiti con passione ed impegno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.