SiAmo Lucca: “Posti letto Covid a Campo di Marte, meglio la palazzina O”

Il gruppo di opposizione: "Se la maggioranza ci avesse dato retta gli spazi sarebbero già operativi"

“Finalmente la Regione annuncia che vuole fare ciò che SìAmoLucca chiede da febbraio, quando abbiamo iniziato a sollecitare insistentemente l’attivazione di un reparto per malati Covid al Campo di Marte. Una soluzione indicata da noi, ma sulla quale il sindaco Tambellini in qualità di presidente della conferenza zonale Asl faceva le orecchie da mercante. Adesso notiamo il tentativo di far passare le proposte dell’opposizione (spesso derise) come un’idea del centrosinistra: verrebbe da piangere per certi mezzucci, ma l’importante alla fine è il risultato”. Lo sottolineano in una nota i consiglieri comunali della lista civica Serena Borselli, Alessandro Di Vito e Remo Santini.

“Speriamo sia davvero la volta buona, perché nel recente passato abbiamo assistito a propaganda politica pre elettorale, come l’annuncio di oltre 50 posti letto al Campo di Marte stesso per le cure intermedie (mai creati) e l’apertura dei 12 posti letto di terapia intensiva che da agosto ad oggi non sono mai stati attivati – proseguono i tre consiglieri comunali – Si parla di 150 posti letto Covid dunque nel complesso di San Marco, però manca il personale sanitario. E si parla di un’attivazione tra dicembre e gennaio. Comunque vada, e speriamo davvero che la soluzione sia condotta in porto, ci sarà un ritardo. Vogliamo aggiungere che è stata da Giani individuata la palazzina A (anno 1968)  sulla quale più volte è stato detto che non rispetterebbe i criteri antisismici e avrà bisogno di un intervento per essere idonea ad accogliere i malati, mentre per trattare i pazienti affetti da Covid, secondo noi il ‘top’ della logistica sarebbe invece la palazzina O“.

SìAmoLucca ne spiega i motivi. “Proprio la palazzina O, che venne aperta con 90 posti letto nel 2005 e costò 5 milioni di euro, nacque per le malattie infettive, e ha un’organizzazione logistica tale da rendere tutte le stanze a pressione negativa, e questo sistema di circolo dell’aria è il “gold standard” anche per la sicurezza degli operatori che assistono i pazienti Covid-19 – aggiungono Borselli, Di Vito e Santini – E sappiamo tutti come queste infezioni abbiano bisogno di quel tipo di ambienti di isolamento fin dalla Sars-CoV1 del 2003. Infine ricordiamo che a fine 2019, durante un consiglio comunale, sia il sindaco sia la maggioranza di centrosinistra che lo sostiene, bocciarono una nostra mozione in cui si chiedeva a Tambellini e alla sua giunta di ‘attivare/trasferire immediatamente al Campo di Marte quelle funzioni sanitarie necessarie a supportare l’attività del San Luca, in modo da renderlo più funzionale’ e ‘implementarvi le funzioni e le attività territoriali, in particolare la diagnostica, in modo che il cittadino abbia un riferimento territoriale come valida alternativa all’ospedale’. Tutto questo è stato bocciato: se ci avessero ascoltato, oggi non saremmo ancora qui ad aspettare. Ma non lo ammetteranno mai, perché la loro propaganda glielo impedisce”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.