Manifattura sud, SiAmo Lucca: “Pronta la nostra proposta per la riqualificazione”

Il gruppo di opposizione conferma i dubbi sull'operazione Fondazione Crl-Coima: "Ma non siamo per il no a prescindere"

Manifattura sud, torna a prendere posizione SiAmo Lucca, gruppo di opposizione.

“Se oggi la città può discutere del progetto – sottolinea la lista civica – per la trasformazione dell’ex Manifattura, è grazie alla determinante azione di SìAmoLucca: senza il nostro lavoro di studio e divulgazione, la giunta Tambellini avrebbe tenuto coperta gran parte delll’operazione. Quindi il dibattito scaturito, che sta prendendo sempre più vigore, non ci sarebbe stato: già questo per noi è motivo di grande orgoglio. Un primo di partenza però, non certo il traguardo”.

“I nostri consiglieri comunali sono stati i primi ad aver scoperto che c’erano dei documenti depositati a Palazzo Orsetti da parte della Fondazione Cassa di Risparmio e Coima, e a chiedere l’accesso agli atti – si spiega in una nota – e sono stati coloro che hanno appreso di volta in volta gli sviluppi dell’interlocuzione tra i privati e l’amministrazione, rendendoli pubblici nell’interesse generale di Lucca. E dando così modo anche a cittadini e associazioni di potersi muovere o farsi le proprie convinzioni. Detto questo, è il momento di sgomberare il campo dagli equivoci, ribadendo la posizione che abbiamo sulla vicenda”.

E quindi la lista civica entra nei dettagli. “SìAmoLucca vuole assolutamente che la parte sud dell’ex Manifattura sia strappata al degrado, quindi non rappresenta il partito del no. Poniamo invece con forza una questione di merito e di metodo, perché contrariamente ad altri abbiamo studiato le carte, oltre 500 pagine complessive e contenute in diversi documenti”.

Il direttivo della lista civica ha suddiviso per punti ciò che non ritiene condivisibile dell’attuale proposta.

“Innanzitutto – si legge nella nota – il prezzo di cessione dell’immobile a 3 milioni e 200mila euro (187 euro al metro quadrato) non congrua e frutto di una stima al ribasso. Perché in ballo c’è la privatizzazione di questa importante parte del complesso, attualmente di proprietà dei cittadini lucchesi, e che verrà ceduta per sempre. Il fatto che nella convenzione, sia previsto che andranno al privato per 40 o 50 anni gli incassi dei parcheggi attualmente gestiti dalla società pubblica Metro (piazza Cittadella, piazzale Verdi e Via del Pallone) con un rincaro della sosta e tariffa oraria a due euro all’ora sia giorno che notte, ovvero con un incremento dell’80% sulle 24 ore. Che sempre la convenzione stabilisca che il Comune non possa in futuro fare scelte che abbiano ricadute sulle modalità di accesso alla Porta Sant’Anna, e blocchi la possibilità di attuare trasporti alternativi (ad esempio istituire navette dalla periferia al centro), e stabilisca che non sarà possibile attivare nuovi parcheggi nelle vicinanze. La realizzazione di 90 appartamenti e di una serie di fondi commerciali, funzioni non compatibili con lo sviluppo del tessuto urbanistico del centro storico, nonché il collegamento del complesso ex Manifattura con le Mura, con la realizzazione di una passerella per dare più valore agli alloggi che in questo modo avrebbero un accesso diretto al monumento simbolo di Lucca. Il project financing presentato non prevede un consistente aumento del numero di stalli in più per la sosta rispetto a quelli esistenti. Il mancato coinvolgimento della città nelle decisioni sul futuro di un complesso così strategico, e l’eccessiva fretta con cui si vuole agire. Rimane aperta la questione della concessione per 50 anni del Baluardo di San Paolino, la cui uscita dall’iniziale proposta di Coima grazie alla nostra battaglia, non trova però a tutt’oggi un’adeguata documentazione che lo comprova. L’inadeguata attenzione ai vincoli imposti sull’edificio dal Ministero dei beni architettonici e culturali e dalla Soprintendenza regionale”.

“Non è scontato che chi ha disponibilità economica abbia obbligatoriamente l’idea migliore – conclude SìAmoLucca – e lo diciamo con grande rispetto nei confronti sia della Fondazione Cassa che della multinazionale Coima. E per dimostrare che non siamo il partito del no, ma nemmeno del sì a prescindere, e per confermare che il nostro percorso è coerente e non abbiamo cambiato idea dalla sera alla mattina, nei prossimi giorni insieme ai nostri consiglieri comunali Remo Santini, Serena Borselli e Alessandro Di Vito presenteremo una nostra proposta alternativa al recupero dell’ex Manifattura: quindi, dalla contestazione del progetto presentato, passeremo alla sfida delle idee”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.