Mallegni (FI): “Cedolare secca del 10% fino al 2023 per chi fa sconti sugli affitti commerciali”

Una misura per commercianti ed esercenti, il senatore: "Così possono lavorare senza l’aggravio di un affitto oneroso e non più sostenibile"

Cedolare secca del 10% dal 2021 e fino al 2023 a chi fa uno sconto di almeno il 40% sul canone. Aiutiamo commercianti e affittuari! Una boccata di ossigeno per le attività commerciali e gli affittuari”, motiva così Massimo Mallegni, Senatore di Forza Italia e commissario regionale, il suo emendamento proposto al Dl Ristori nel quale chiede l’introduzione di una cedolare secca del 10% per i titolari di fondi strumentali.

“La misura – spiega Mallegni – si attiva in caso di riduzione dell’affitto concordata tra le parti di almeno il 40% e dura dal 2021 al 2023. È una proposta concreta per favorire commercianti ed esercenti, che così possono lavorare senza l’aggravio di un affitto oneroso e non più sostenibile e gli stessi affittuari, colpiti di rimando dalla crisi delle attività”.

La cedolare secca proposta dal Senatore di Forza Italia prevede alcuni scaglioni di progressività che permettono di adattarsi alle differenti situazioni a seconda di quanto venga contrattata la riduzione dell’affitto. Nel caso in cui la riduzione sia superiore al 40% la cedolare cala fino al 5%.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.