Tre militanti di Blocco Studentesco ai domiciliari, Casapound: “Misure esagerate di natura politica”

Per il partito di destra "nessuno è stato toccato e ingiuriato durante la manifestazione pacifica. C'è lo zampino del Pd"

“Questa mattina tre ragazzi del Blocco studentesco di 20, 21 e 22 anni, incensurati, sono stati posti agli arresti domiciliari. La loro colpa? Aver lanciato alcuni volantini all’interno del liceo Galileo Galilei di Firenze il 2 ottobre scorso, per protestare contro lo stato di emergenza e il rischio di chiusura delle scuole”. Apre così la nota di Casapound della sezione di Lucca, che spiega: “Un blitz assolutamente pacifico, realizzato in decine di altri istituti da nord a sud. Per questo gli arresti domiciliari (il pm aveva persino chiesto la custodia cautelare in carcere) decisi dal Gip appaiono assolutamente ingiustificati. Viene contestato il reato di ‘violenza ad un corpo amministrativo’, che prevede pene tra i 3 e i 15 anni, per un semplice volantinaggio”.

La natura politica ad opera di un collaudato sistema facente riferimento al Partito Democratico è evidente – scrive il gruppo – Del resto l’azione, puramente dimostrativa, è stata condotta nei licei di tutta Italia senza conseguenze: perché a Firenze tanto accanimento giudiziario? La risposta è forse anche nell’appartenenza al Pd del preside del Galileo Galilei, Alessandro Giorni, candidato con i dem anche alle ultime elezioni amministrative a Prato e membro della segreteria politica del partito”.

“Nell’ordinanza di custodia cautelare contro i tre ventenni incensurati – si legge nella nota – si parla di spintoni e violenza contro il corpo docente e il preside stesso, fatto smentito dai video pubblicati e dall’assenza di referti che testimonino il contrario. Nessuno è stato nemmeno lontanamente toccato o ingiuriato durante lo svolgimento dell’azione. Del resto l’azione non era contro il corpo docente, semmai contro le misure del governo Conte. Anche lo stesso comunicato diffuso dai carabinieri, che titola ‘la scuola non si tocca’ e definisce ‘minatorio’ un semplice striscione affisso fuori dell’istituto, sembra scritto da un militante di estrema sinistra. E’ dunque palese – conclude Casapound -la natura politica di tali misure”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.