Umberto Buratti: “Dare mandato alle Regioni per creare zone omogenee per gli spostamenti”

Secondo il parlamentare si potrebbe assumere come base di riferimento una popolazione tra i 70mila e i 100mila abitanti

Zone omogenee per gli spostamenti durante l’emergenza Covid 19.

L’onorevole Umberto Buratti, ex sindaco di Forte di Forte dei Marmi, chiede di dare mandato alle Regioni per stabilire in via definitiva la questione.

“Sono già in corso le interlocuzioni per definire il nuovo Dpcm che conterrà un aggiornamento delle regole e indicazioni per la gestione dell’emergenza sanitaria, anche alla luce delle imminenti festività – spiega Buratti – Ritengo sia assolutamente necessario, laddove la mobilità è limitata che si dia mandato alle Regioni di definire delle zone omogenee il cui dimensionamento sia valutato in base alla popolazione residente e che, dunque, possano raggruppare al loro interno più comuni. In tal senso, si potrebbe assumere come base di riferimento una popolazione tra i 70mila e i 100mila abitanti (in base alle caratteristiche geografiche e del territorio) e, in ragione di questa unità, costruire zone che non penalizzano i cittadini dei comuni più piccoli. È del tutto evidente, infatti, che abbia un impatto molto diverso per la cittadinanza la chiusura di piccoli comuni rispetto a quelli delle grandi città. In queste ultime, infatti, i cittadini possono trovare facilmente il necessario e accedere a ogni bene e servizio. Mentre in quelli più piccoli, l’accesso a tali beni e servizi, molto spesso essenziali, è limitato se non impossibile e richiede di spostarsi. Si tratta di servizi indispensabili per la vita quotidiana per i quali, in tempi normali, il cittadino si recherebbe in comuni limitrofi o poco distanti”

“Vanno tutelati tutti i cittadini a prescindere dal comune di residenza – aggiunge il parlamentare – consentendo loro di poter accedere a beni e servizi al pari dei cittadini che vivono in centri urbani di grandi o medie dimensioni. Il lockdown sta rendendo insostenibile il modello del piccolo Comune. Mi auguro che il governo capisca l’urgenza di intervenire in questa direzione perché non ci siano cittadini di serie A e cittadini di serie B. Sono certo che, con lungimiranza e buona volontà, si troverà una soluzione per tutelare i piccoli comuni e, soprattutto, i loro abitanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.