Crepaldi (Ace): “Confronto sul ddl Zan, stupiti dal sostegno di sindacati e associazioni”

Bufera sulla iniziativa online

E’ polemica a Lucca per il confronto via web con il relatore del ddl Zan. A spiegarlo, in una nota, Adriano Crepaldi, presidente di Azione Cristiana Evangelica, associazione radicata in tutte le 20 regioni italiane, 32 province, in contatto con 6.007 chiese evangeliche e che collabora con Fratelli d’Italia, partito di Giorgia Meloni.

“Siamo stupiti che i gruppi di Lucca di Cgil, Amnesty International, Croce Rossa Italiana, Unicef e altre realtà abbiano promosso l’incontro con Alessandro Zan, del prossimo 7 dicembre, nella città toscana in merito al disegno di legge di cui il parlamentare è relatore. Non si rendano complici, appoggiando il testo, della violazione dell’articolo 21 della nostra Costituzione. Tutti agiscano solo nel reale interesse degli italiani, evitando la frammentazione della società. Le persone, con differenti tendenze sessuali, hanno già molti più diritti di quelle etero”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.