Disegno di legge contro l’omotransfobia, in tanti per l’incontro on line con Alessandro Zan

Lo streaming ha raccolto in 12 ore oltre 4mila visualizzazioni. Soddisfazione dalle associazioni promotrici

Davvero tante persone hanno partecipato ieri sera (7 dicembre) all’incontro on line con Alessandro Zan, relatore del disegno di legge che combatte la violenza e la discriminazione per motivi di orientamento sessuale, identità di genere, misoginia e abilismo e con l’assessora regionale alle politiche di genere, Alessandra Nardini.

L’iniziativa era organizzata da decine di associazioni lucchesi, e poteva contare sul patrocinio del Comune di Lucca. A coordinare il dibattito è stato il professor Massimo Rovai; a portare il saluto dell’amministrazione comunale è stato il consigliere comunale delegato ai diritti, Daniele Bianucci. Durante l’iniziativa, Alessandro Zan ha annunciato che sarà a Lucca nelle prossime settimane, non appena le disposizioni per l’emergenza Covid lo permetteranno, per un nuovo appuntamento di approfondimento, stavolta dal vivo.

Il video dell’iniziativa è andato in diretta streaming sulla pagina facebook del Comune di Lucca e delle associazioni organizzatrici, e in poco più di 12 ore ha raccolto quasi 4mila visualizzazioni.

Le associazioni che hanno promosso l’evento sono Amnesty International gruppo di Lucca, Aeliante, Unicef comitato provinciale di Lucca, Centro Zerka Moreno, Arci Lucca Versilia, Associazione Nuova Solidarietà Equinozio, Condotta Slow Food Lucca Compitese Orti lucchesi, Centro donna Lucca, Maschile Plurale Lucca, Cgil Lucca, Eart Strike Lucca, Croce Rossa Italiana di Lucca, Coordinamento Donne Spi Cgil, LuccAut, Libera-Presidio di Lucca, Lemaestreignoranti, La Città delle donne, Associazione Amani Nyayo, Associazione Coming out Aps, Casa Alfa, Unione ciechi e ipovedenti, Vengo anch’io.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.