Quantcast

SiAmo Lucca: “Toscana arancione per la mancanza di posti in terapia intensiva”

E su Campo di Marte: "Struttura ancora non attiva e non ci sono certezze sul personale da destinare al reparto"

“È inutile che gli amministratori pubblici lucchesi si lagnino del mancato passaggio da zona arancione a gialla della Toscana così come ci aspettavamo tutti: uno dei motivi principali è la mancanza di posti letto di terapia intensiva, e Lucca c’è dentro fino al collo visto che non sono stati ancora attivati i 155 annunciati al Campo di Marte”. Lo sostengono in una nota i consiglieri comunali di SìAmoLucca.

“Dei tre parametri indicati per il colore dei territori infatti, due sono strettamente legati a questo ambito – spiegano Alessandro Di Vito, Serena Borselli e Remo Santini – Se il primo indicatore è calcolato in via generale sulla data di inizio sintomi e di ospedalizzazione, il secondo indicatore riguarda il tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva e il terzo infine il tasso di occupazione dei posti letto totali di area medica per pazienti Covid. Insomma, la Toscana resta arancione perché il suo sistema sanitario è strutturato in maniera tale da non poterla fare uscire dalle aree a rischio: la conferma che il tanto decantato modello della sanità nella nostra regione è tutto da rivedere”.

“Dunque – aggiungono gli esponenti di SìAmoLucca – fra le cause che hanno fatto decidere il governo di farci rimanere in zona arancione, c’è per essere ancora più precisi il fatto del superamento della soglia del 30 per cento di occupazione dei posti letto nelle terapie intensive della Toscana. E aggiungiamo che il 70 per cento dei posti totali sono destinati al Covid, costantemente occupati al 100 per cento. Oltre che il ridotto numero di tamponi effettuati. Quindi se ci fossero stati più posti letto, magari saremmo potuti già essere in zona gialla“.

La lista civica SìAmoLucca dedica un passaggio specifico del suo intervento proprio a quanto previsto nel Campo di Marte. “Ribadiamo che è dallo scorso febbraio che chiediamo l‘attivazione di posti letto al Campo di Marte – aggiungono Di Vito, Borselli e Santini – ma dopo 10 mesi non è ancora successo nulla. Tutto questo è semplicemente scandaloso, perché quei letti di terapia intensiva sarebbero stati determinanti insieme a quelli di altre città per aumentare il numero complessivo della Toscana. L’assurdo poi, secondo quanto apprendiamo, è che quella prevista per la metà di dicembre potrebbe essere un’inaugurazione farlocca, perché non ci sono certezze sulla presenza del personale necessario per fare funzionare la struttura. I cittadini sono stanchi di essere presi in giro. La classe dirigente del centrosinistra – concludono – dovrebbe prendersi le proprie responsabilità, anziché giocare sempre con la propaganda, e dire la verità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.