Quantcast

Caso Vagli, il Pd territoriale: “Maggioranza rimetta il mandato”

La segreteria dem: "I fatti oggetto di indagine, se confermati, sono gravissimi"

I fatti di Vagli, se confermati, sono gravissimi“. A pensarla così è la segreteria territoriale del Partito Democratico.

“Il Comune di Vagli – dicono dal partito  – è al centro di una vicenda giudiziaria che vede indagate 36 persone al vertice delle quali troviamo l’ex primo cittadino Mario Puglia che, tra l’altro, fu primo sindaco della Lega della provincia di Lucca e, fino al recente arresto, vicesndaco e responsabile dell’ufficio tecnico comunale. 
I reati contestati spaziano dall’associazione a delinquere al falso ideologico, dall’abuso d’ufficio alla turbativa d’asta, dal riciclaggio al peculato”.

“Come Partito Democratico – si legge – siamo garantisti nei confronti di tutti, e riteniamo che sia compito esclusivo della magistratura accertare se le accuse mosse nei confronti degli amministratori di Vagli siano fondate o meno.

 Come Partito Democratico esprimiano naturalmente vicinanza e solidarietà alla comunità di Vagli che, coinvolta da una vicenda giudiziaria di tale portata, non può non essere profondamente turbata. Sottolineamo la necessità che l’amministrazione comunale, guidata da un sindaco e una maggioranza in continuità con la gestione Puglia, smetta di trincerarsi dietro a parole di circostanza e faccia chiarezza davanti ai cittadini”.

“C’è una responsabilità politica – conclude la nota – che deve essere esercitata attraverso un’azione di informazione chiara, precisa e continua in quanto la vicenda è tanto grave quanto complessa. Proprio per consentire di ripristinare una serenità sociale e istituzionale auspichiamo che la maggioranza di centrodestra, sostenuta tutt’ora da consiglieri della Lega, si assuma le proprie responsabilità rimettendo il proprio mandato nelle mani dei cittadini“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.