Panchieri (Pd): “Pontetetto, la maggioranza impari la lezione”

Il segretario del circolo centro storico: "Il caso del senso unico è emblematico di quello che potrà accadere in campagna elettorale"

Caso Pontetetto, la maggioranza impari la lezione. A suggerirlo è Roberto Panchieri, presidente del circolo Pd del centro storico.

“E’ prevedibile che nel 2021, con l’avvicinarsi della scadenza elettorale per eleggere il nuovo sindaco della città, assisteremo al proliferare della nascita di comitati contro o a favore di qualcosa di particolare; è già accaduto nel passato e accadrà ancora. Il qualcosa può essere di grande rilevanza (Manifattura Tabacchi) o riguardare 7 alberi (area verde di S.Concordio). La vicenda del senso unico di Pontetetto è emblematica. Il presunto o reale rumore del traffico disturba i residenti, nasce un Comitato (anzi 2), si arriva (non so perché) ad un esposto, l’amministrazione comunale è costretta a prendere un provvedimento cautelativo, i commercianti (giustamente) si sentono danneggiati e reagiscono”.

“Parte la bagarre – aggiunge – che si conclude con un provvedimento di buon senso, ma, al momento della spiegazione pubblica, emergono le accuse e le ruggini che finiscono per determinare una brutta frattura fra cittadini dello stesso quartiere. Cose del genere potranno capitare in grande numero nel prossimo anno; dunque cerchiamo di imparare la lezione. E’ evidente che da questo episodio emerge un deficit di rappresentanza, sia di natura politica che di natura amministrativa, che può essere eliminato solo con la prudenza, la interlocuzione e la corretta preventiva comunicazione ( comprese le conseguenze prevedibili) sulle decisioni da prendere. Questo, a mio avviso, vale  sia per le forze politiche che per chi ha il compito di rappresentare (i consiglieri comunali) e di amministrare (la giunta comunale)”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.