Quantcast

Autonomia differenziata, Rifondazione Comunista: “Lo stralcio del Ddl è solo un primo successo”

Il commento della delegazione lucchese del partito a seguito dell'incontro con il Prefetto

Il 18 dicembre anche a Lucca, come in altre 25 città, Rifondazione comunista ha manifestato davanti alla prefettura per lo stralcio dalla Legge di bilancio del Ddl di applicazione dell’autonomia differenziata.

In quell’occasione una delegazione è stata ricevuta dal prefetto, al quale i presenti hanno potuto manifestare i problemi che tale approvazione avrebbe comportato. Contemporaneamente a Roma si svolgeva il presidio davanti al Parlamento. “E’ da queste e questi parlamentari che si è appreso che il Ddl sull’Autonomia differenziata è stato stralciato dalla Legge di bilancio, notizia confermata nei giorni successivi – spiega il partito lucchese -. Si tratta di un primo successo importante. Questo risultato è prima di tutto il frutto della mobilitazione di questi anni e in particolare degli ultimi mesi, che ci ha visto ad ottobre lanciare per primi l’allarme sulla Legge di bilancio e poi, insieme alla Rete dei numeri pari, promuovere una lettera aperta ai parlamentari nonché la mobilitazione stessa”.

“È altresì innegabile che questo risultato è legato ad un altro fatto: la crisi del Covid19 ha portato alla luce il fallimento della prima regionalizzazione – va avanti Rifondazione -. Lo scontro istituzionale tra Stato e Regioni ha fatto riflettere molti sulla assurdità che si potesse anche solo pensare di fare un nuovo passo nella direzione che ha già prodotto danni tanto grandi. Ma il pericolo non è scongiurato. Innanzitutto perché l’Autonomia differenziata viene richiesta a gran voce da diverse Regioni; in secondo luogo perché il governo non ha abbandonato il progetto di una legge quadro che ne permetterebbe il varo; infine, perché l’opposizione spinge per accelerare in questo senso. Noi lo diciamo chiaramente: un solo passo in più su questa strada può avere conseguenze pericolosissime e aprire scenari inquietanti“.

“Oggi, con la crisi sanitaria, economica e sociale che stiamo vivendo, sarebbe da irresponsabili lasciare spazio a nuovi poteri alle Regioni, su 23 materie che coinvolgono la dimensione economica, legislativa e sociale del Paese e che arrivano a delineare rapporti diretti tra le Regioni stesse e l’Unione Europea. Per questo è necessario mettere uno stop definitivo a questa prospettiva, innanzitutto con il ritiro di qualunque ipotesi di Legge quadro o di Ddl applicativo del comma terzo dell’articolo 116 della Costituzione e quindi con l’abrogazione di questo stesso comma – conclude Rifondazione -. Il Covid, nella sua tragicità, sta aprendo gli occhi di tutti sul valore della sanità pubblica, dei diritti uguali per tutti, dei danni delle privatizzazioni che non avrebbero più limiti con l’Autonomia differenziata“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.