M5S: “Su Manifattura tanta superficialità, siano dati chiarimenti”

Il gruppo: "Serviva percorso condiviso con i cittadini per decidere assieme il futuro che vogliamo per la nostra città"

“Siamo stupiti dalla leggerezza e dalla cattiveria con cui è stato affrontato l’intero progetto di ristrutturazione della ex Manifattura”.

Così la nota del M5S di Lucca, che prosegue: “Lo siamo in realtà anche per tanti altri progetti che hanno riempito la città di contenitori vuoti e di cantieri perenni, o  travolto interi quartieri, ma concentriamoci sulla manifattura. Intanto sarebbe da consigliare a Tambellini-Mammini un bel corno che li protegga dal malocchio vista la serie di contenziosi che si sono aperti per la ristrutturazione della parte nord della ex-manifattura, che ormai da anni è un cantiere abbandonato”.

“Sulle cattiverie – prosegue il M5S – possiamo solo dire che abbiamo avuto tanti scontri in questi anni, ma solo su questo abbiano visto un fioccare diffuso di diffide, con impiego di avvocati blasonati, è solo in questo caso abbiamo ricevuto reiterate raccomandazioni alla riservatezza anche dagli uffici comunali. Abbiamo poi visto i capi bastione – Marcucci in testa, ma anche Vietina e molto altri – difendere il progetto. Evidentemente abbiamo toccato qualche tasto delicato. A noi sono sembrati solo tentativi di intimorire chi vuole capire e sapere nell’interesse della città. In merito alla ex-manifattura sud, già molti mesi fa abbiamo espresso profondi dubbi sul progetto presentato da Coima in collaborazione con la Fondazione CrL”.

“Come ha potuto il Comune aspettare mesi e mesi prima di svegliarsi e accorgersi che il progetto era irricevibile? – chiede il gruppo – Perché Tambellini ha atteso fino a ottobre per scrivere e chiedere una sostanziale revisione del progetto? Perché nonostante la seconda proposta sia solo una copia della prima adesso la considera ricevibile? Come M5S di Lucca ci eravamo attivati già a settembre presentando un’interrogazione al ministro Franceschini, interrogazione reiterata anche a novembre dal Senatore Ferrara sempre del M5S, a quanto ci risulta il ministro per adesso non si è degnato di rispondere, ma come M5S siamo l’unica forza politica che nei fatti ha agito anche a livello nazionale per risolvere i problemi posti dalla proposta di Coima. In questo momento abbiamo presentato un’ulteriore interrogazione al Sindaco riguardo la perizia per valutare il valore della parte sud della manifattura, la celebre perizia non giurata, soldi spesi perché, con quali fini? È un caso che l’offerta di Coima coincida con il valore della perizia? Il sindaco ha risposto lungamente alla prima interrogazione in merito, ma non ha convinto ne noi ne la città, per adesso chiediamo ulteriori chiarimenti”.

“In questa vicenda non ci ha convinto nemmeno il ruolo della Fondazione Crl – spiega il M5S – che ci sembrava avesse già problemi di patrimonio come avevamo capito ad agosto 2019 e adesso tira fuori questa operazione con Coima. Questa operazione porterebbe in dotazione alla Fondazione  la proprietà della manifattura sud, ma porterebbe il comune e quindi i cittadini a perderla insieme al ricavo dei parcheggi, con difficoltà a gestire autonomamente la politica di mobilità urbana per 40 anni. E omettiamo la questione della passarella sulle mura. Facciamo appello alla Fondazione al gruppo dirigente ed anche ai membri dell’organo di indirizzo della fondazione, alcuni nominati da enti pubblici, dalla Curia, persone degne ed autorevoli, magari non espertissimi in finanza, ma che hanno la responsabilità di controllare e indirizzare l’attuale dirigenza della Fondazione CrL affinché riflettano sull’operazione. Noi del M5S abbiamo da tempo chiesto che sulla manifattura, su tutto il complesso monumentale della città si facesse un concorso internazionale di idee, un percorso condiviso con i cittadini per decidere assieme il futuro che vogliamo per la nostra città. Perché prima di valutare le proposte di chicchessia, il Comune dovrebbe avere un idea di come rendere tale complesso alle esigenze della città”.

“In merito alla proposta presentata dal Music Innovation Hub di Milano, impresa sociale che opera nel campo della musica – si legge nella nota – crediamo che vada valutata con la medesima attenzione, ma sopratutto toglie l’alibi al coloro che dicevano che o Coima-Fondazione o rudere perenne. Ci domandiamo perché il comune non abbia ancora fatto pervenire almeno ai consiglieri comunali gli atti relativi a questa proposta alternativa di Music Innovation Hub, per poter valutare occorre conoscere. Per questo è necessario che anche i consiglieri comunali di opposizione possano esser presenti all’incontro che Music Innovation Hub avrà con l’amministrazione comunale. Il Comune, le forze politiche, i cittadini si impegnino assieme a trovare una soluzione ottimale, seria, per la manifattura e per il complesso monumentale del centro storico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.