Quantcast

Strage Viareggio, solidarietà dal Consiglio di Lucca ai familiari delle vittime dopo la sentenza di Cassazione

L'assise lucchese: "Il ricorso delle 32 vittime continuerà senza sosta"

Il consiglio comunale di Lucca, nella sua interezza, ha voluto esprimere all’associazione Il Mondo che Vorrei la totale ed assoluta solidarietà e vicinanza, umana e istituzionale, “in questo momento buio di rabbia, di tristezza e delusione”.

“Abbiamo ascoltato – si legge in una nota – il presidente Marco Piagentini usare parole accorate e raccontare le sensazioni alla lettura del dispositivo della Corte di Cassazione che, dopo oltre 11 anni, dichiara prescritti i reati di omicidio colposo per la morte di 32 persone innocenti”.

“Abbiamo però anche sentito l’energia, intatta e forse accresciuta, per andare avanti – si legge ancora – Nella convinzione che quello che l’Associazione fa è a servizio della giustizia, mancata in troppe tragedie italiane, e a favore della prevenzione per evitare il ripetersi di eventi così gravi”.

Il ricordo delle 32 vittime, continuerà senza sosta – sostiene il consiglio comunale – per dimostrare che Il Mondo che vorrei non è solo un nome ma un programma di azioni, a tutti i livelli, perché mai più nessuno debba vivere il dramma infinito e doloroso com’è quello sofferto da parenti e amici delle vittime. Come consiglio comunale abbiamo confermato anche la nostra totale disponibilità a supporto delle loro iniziative e, nella prossima seduta, si terrà un ricordo delle 32 persone scomparse. Mai più…”

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.