Scuola, Montemagni (Lega): “Anche a Lucca riapre ma si dimentica dei precari”

La capogruppo in consiglio regionale: "Il Covid19 ha evidenziato le criticità nel mondo dell'istruzione ma nessuno ne ha limitato i danni"

“Tanto per cambiare, nel contesto della ripresa dell’attività didattica in presenza parziale alle superiori, ci si è colpevolmente dimenticati dei tanti docenti e personale Ata precario che, da tempo, attende un’agognata stabilizzazione”. E’ quanto afferma la capogruppo della Lega in consiglio regionale Elisa Montemagni dopo le rilevazioni del direttivo provinciale lucchese degli insegnanti precari.

Una problematica che coinvolge diversi lavoratori anche nella zona di Lucca che hanno pure segnalato altre palesi criticità collegate al ritorno sui banchi. A parte, infatti, i fantasiosi e pressoché inutili banchi a rotelle – precisa l’esponente leghista – nulla o davvero poco è stato fatto a livello di edilizia scolastica e per garantire una maggiore sicurezza a docenti e studenti. Troviamo, poi, assurdo che, a fronte di nessun investimento sul fronte degli impianti ad aerazione, in pieno inverno, si debbano tenere, talvolta, le finestre aperte, rischiando di prendersi le classiche patologie stagionali. Insomma probabilmente il Covid ha amplificato le criticità della scuola italiana, ma nel contempo nessuno si è mosso per tempo al fine di limitare i danni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.