Cultura, Nisini (Lega): “A Lucca la biblioteca statale chiude, a Palermo quella islamica apre”

L'intervento della senatrice sul rischio di chiusura per carenza di personale

“Il Governo non trova fondi per tenere in vita la biblioteca statale di Lucca, ma è riuscito a trovare due milioni e mezzo di euro per sostenere la creazione di una biblioteca islamica a Palermo”. E’ questo il commento della senatrice della Lega Tiziana Nisini dopo l’annuncio della chiusura prevista per il primo di aprile.

“La statale di Lucca è dalla fine del XVIII secolo un punto di riferimento culturale per l’intera città, ma dalla scorsa primavera, a causa della carenza di personale, il rischio chiusura si fa sempre più alto: se non sarà assegnato personale sufficiente il 1 aprile mancheranno le condizioni di sicurezza per consentire l’apertura al pubblico – prosegue Nisini -. Perdere questo importante e qualificato luogo di storia e sapere, che conta più di 400 mila volumi oltre che manoscritti ed incunaboli, sarebbe un danno per l’intera comunità: per questo ho presentato una interrogazione al ministero dei beni e delle attività culturali perché si attivi al più presto per risolvere questa problematica. E’ assurdo che lo Stato italiano non si occupi del proprio patrimonio culturale esistente mettendo invece a disposizione ingenti risorse per la creazione di un centro culturale specializzato in islamologia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.