Martinelli tuona: “Non si tolgano stalli in piazzale Risorgimento”

Il capogruppo Fdi dice no al progetto di alienazione di Palazzo Bertolli

“No al piano del comune che prevede di sottrarre stalli dedicati alla sosta in piazzale Risorgimento”. Lo ha dichiarato Marco Martinelli presidente del gruppo Fratelli d’Italia durante la seduta di consiglio comunale di Lucca di ieri sera (19 gennaio).

“Impensabile – ha aggiunto Martinelli – che in una situazione già carente di parcheggi l’amministrazione Tambellini preveda di destinare gli stalli presenti in piazzale risorgimento ad uso esclusivo di chi acquisterà l’immobile Palazzo Bertolli in precedenza sede della guardia di finanza”.

Martinelli insieme ai colleghi Buchignani e Testaferrata aveva promosso un atto di indirizzo approvato dal consiglio comunale il 20 giugno 2019 che prevedeva “al fine di facilitare l’alienazione e ristrutturazione dell’immobile denominato Palazzo Bertolli (ex Guardia di Finanza) a favorire la realizzazione di un parcheggio interrato in Piazzale Risorgimento che oltre a svolgere funzioni di parcheggio pubblico possa essere in parte adibito ad uso esclusivo del suddetto immobile”.

Martinelli ha ricordato “l’importanza strategica di realizzare un parcheggio fuori porta San Pietro sia per facilitare l’accesso al centro storico, sia per garantire la sosta a chi acquisterà l’immobile ex Guardia di Finanza”. “Invece – ha attaccato il capogruppo di Fratelli d’Italia- l’amministrazione per voce dell’assessore Bove ha cambiato strategia e prevede di destinare il parcheggio ad uso esclusivo di chi acquista l’immobile palazzo Bertolli. Una decisione che va esattamente nella direzione contraria alla volontà del consiglio comunale che approvando il suddetto atto di indirizzo impegnava la giunta a favorire la realizzazione di un parcheggio interrato che svolgesse anche funzione di polmone per la sosta di cittadini e fruitori della città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.