Uffizi ‘diffusi’, Rifondazione propone di usare Palazzo Guinigi

Il partito lucchese: "Sinergia Comune-Provincia per presentare una progetto comune"

Uffizi diffusi, per Rifondazione Comunista la collocazione ideale potrebbe essere Palazzo Guinigi.

“Il direttore della Galleria degli Uffizi, Eike Schimdt – si legge in una nota – ha presentato alla commissione cultura del consiglio regionale della Toscana, un progetto  per togliere dai magazzini degli Uffizi moltissime opere d’arte mai esposte al pubblico affidandoli a musei civici, palazzi, ville dei Comuni toscani che aderiscano al progetto. Il presidente della Provincia, Luca Menesini, ha compreso la validità di tale iniziativa e ha immediatamente dichiarato che Palazzo Ducale si candiderà come Museo diffuso degli Uffizi fiorentini per accoglierne le opere d’arte. Non ci risulta che l’amministrazione del comune di Lucca abbia pensato di fare lo stesso”.

“Eppure – dice Rifondazione – la città ha un luogo che si adatterebbe perfettamente allo scopo: Palazzo Guinigi, già in passato sede di mostre e dal 2013 chiuso, in attesa di finanziamenti per completarne il restauro. Poiché il restauro riguarda il giardino e i cortili, non ci sarebbero ostacoli ad ospitare le opere d’arte nelle sale, meravigliose, già restaurate. Ma la nostra città non manca certo di contenitori adatti, ancora vuoti. Tutto questo dimostra, ancora una volta, come questa amministrazione sia incapace di prendere qualsiasi iniziativa 
e di cogliere le opportunità. Ma dimostra anche la mancanza di coordinamento tra le varie istituzioni“.

“Il presidente Menesini – conclude la nota – parla di grande opportunità per creare dei percorsi museali. Crediamo che amministrazione comunale e provinciale dovrebbero sedersi attorno ad un tavolo ed elaborare un progetto comune che certo avrebbe maggiori possibilità di essere accolto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.