Quantcast

Coronavirus, contagi alti a Pescaglia: scatta la chiusura dei parchi. Il sindaco: “Le scuole restano aperte”

Il primo cittadino Andrea Bonfanti dopo il confronto con Giani: "È un momento difficile che richiede la piena responsabilità di tutti nel rispetto delle misure anti contagio"

Aumentano i casi di coronavirus in Valle del Serchio, dove si sta monitorando attentamente la situazione di Pescaglia. Il Comune, infatti, ha un indice settimanale dei contagi al di sopra dei 250 positivi ogni 100mila abitanti. Il sindaco Bonfanti, dopo essere confrontati con il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, ha deciso di lasciare le scuole aperte, almeno per il momento. Scatta invece l’ordinanza per la chiusura dei parchi pubblici.

Coronavirus, Toscana per un’altra settimana in zona arancione. Rebus scuole, “rischia” la Versilia

“Poco fa ci siamo sentiti con il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, in quanto, come avrete letto sui giornali, oggi l’indice settimanale dei contagi nel comune di Pescaglia è al di sopra dei 250 positivi ogni 100mila abitanti – comunica il sindaco Bonfanti -. Con il presidente Giani, che ringrazio per la sua costante attenzione per le nostre comunità, abbiamo fatto il punto sulla situazione dei contagi e abbiamo deciso di monitorare costantemente e attentamente l’evoluzione nei prossimi giorni. Non avendo soggetti positivi al Covid-19 nelle scuole del nostro istituto comprensivo, abbiamo deciso, per il momento, di non dover procedere alla chiusura delle stesse ma, qualora la situazione dovesse mutare, provvederemo tempestivamente ad adottare gli opportuni provvedimenti”.

Scatta la chiusura dei parchi: “Nel frattempo come sindaco ho deciso, attraverso mia ordinanza, di chiudere l’accesso ai parchi pubblici nel nostro Comune e nei prossimi giorni, monitorando l’andamento dei contagi, mi riservo di attuare ulteriori misure. È un momento difficile quello che stiamo attraversando, un momento che richiede la piena responsabilità di tutti nel rispetto delle misure anti contagio. Siamo una grande comunità e, se tutti facciamo la nostra parte, ne usciremo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.