Quantcast

Rifondazione: “Covid, bene sentenza Tar sulle cure a domicilio”

Strambi: "Adesso Aifa dovrà rivedere le linee guida"

“I medici hanno ottenuto una vittoria nei confronti del Ministero della Salute e Aifa sulle linee guida per la cura del Covid a domicilio. Il Tar del Lazio infatti  ha dato ragione ai medici che avevano presentato ricorso e ha sospeso il protocollo di cura redatto dell’Agenzia del farmaco e adottato da Speranza, nella parte relativa alla vigile attesa. L’oggetto del contendere era la parte in cui, nei primi giorni di malattia da Sars-covid, la nota dell’Agenzia Italiana del farmaco prevedeva unicamente la vigilante attesa e la somministrazione di fans e paracetamolo, ma anche la parte in cui poneva indicazioni di non utilizzo di tutti i farmaci”. A sottolinearlo è Giulio Strambi di Rifondazione comunista di Lucca.

“L’ordinanza del Tar rimette al centro la necessità di una cura più puntuale del covid e sospende l’efficacia del provvedimento impugnato. Significa che Aifa, ora dovrà rivedere le linee guida con un occhio particolare alla cura del covid in fase precoce e con i farmaci adeguati. Ma l’ordinanza parla anche al Ministero della salute che il 30 novembre aveva redatto le linee guida contestate. I medici sono ovviamente soddisfatti dell’ordinanza perché ripetutamente hanno evidenziato la necessità delle cure precoci covid per evitare quell’abbandono terapeutico che ha provocato innumerevoli ricoveri ospedalieri, andando a intasare le strutture di terapia intensiva.    Secondo i medici ricorrenti, il Covid è ormai endemico, bisogna curarlo per non intasare gli ospedali. La vigile attesa e il solo paracetamolo non sono sufficienti. È necessario affrontare il malato di covid con una terapia domiciliare appropriata, immediata e con almeno quattro o cinque sostanze che, se utilizzate in tempi diversi e ravvicinati, possono far sì che il paziente non venga ricoverato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.