Quantcast

Ex manifattura, Minniti: “Pd continua a non voler coinvolgere i cittadini”

Il consigliere della Lega: "Bocciato un nostro atto che chiedeva un percorso partecipativo sulla delicata questione"

“Meno male che, come riferito al nostro consigliere regionale Elisa Montemagni, la questione relativa al futuro della manifattura Lucchese dovesse essere demandata al territorio e non calata dall’alto, ovvero dall’Aula di Firenze; in realtà, l’aver bocciato la nostra proposta che chiedeva un percorso partecipativo per arrivare a trovare la migliore soluzione alla tematica, conferma come il Pd, a tutti i livelli, non voglia un reale e per noi doveroso confronto con i cittadini”.

Così Giovanni Minniti, capogruppo della Lega nel consiglio comunale di Lucca, che prosegue: “Riteniamo che la decisione su come utilizzare la predetta struttura debba, infatti, prevedere una diretta consultazione con i cittadini e l’importante immobile debba, altresì, rimanere a disposizione della cittadinanza, considerata anche la sua rilevanza nel contesto urbano di Lucca”.

“Noi, presentando il nostro atto – precisa Minniti – ci siamo espressamente rifatti ad una Legge regionale, in vigore da anni, che consente di promuovere un vero e proprio processo consultivo allargato ai residenti che, poi, saranno i diretti fruitori della struttura. Tra l’altro dopo dieci anni di malgoverno cittadino, solo a ridosso della scadenza del mandato, il Sindaco Tambellini, con una chiara forzatura, vuole decidere in modo univoco per tutti; ricordiamo, inoltre, che tale modalità di recupero del bene, non era nemmeno prevista nel suo programma elettorale”.

“Il nostro auspicio ed intendimento – conclude Giovanni Minnit i- è invece quello che il destino dell’ex Manifattura, sia pienamente condiviso con i lucchesi e non si materializzi, viceversa, tramite un inaccettabile diktat”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.