Quantcast

Primo Maggio, Potere al Popolo ricorda la rivolta degli straccioni del 1531

Il movimento lucchese: "La storia si ripete con le classi popolari in rivolta vengono tradite dalle forze padronali e dalle loro corporazioni"

Potere al Popolo ricorda la sollevazione degli straccioni del 1531. Lo fa affiggendo uno striscione alla chiesa di San Francesco.

“Lucca, nel 1531 – ricorda Palp – è una repubblica mercantile fondata sulla produzione del tessile, stretta tra l’organizzazione corporativa dell’artigianato e il sempre più competitivo mercato europeo. È l’alba della borghesia capitalista. I maestri testori e le maestre tessitrici, e rispettivi quattro o cinque lavoranti salariati che si occupano di diverse mansioni (sottoposti a loro volta alla Scuola dei Testori, ma senza accesso alle cariche e senza matricola), rappresentano la stragrande maggioranza della popolazione cittadina, a lavoro su commissione per le poche famiglie di nobili-mercanti. Il compenso dei maestri e delle maestre per la produzione con cui portare avanti l’attività, è stabilito dalla Corte dei mercanti e dal Consiglio generale. A fianco alla produzione per il mercato europeo, la maestranza ha facoltà di lavorare in proprio con almeno uno dei tre telai consentiti dalla corporazione. Ma nel XVI secolo, il mercato si sta allargando: la concorrenza dei prezzi spinge i mercanti a tentare di ammortizzare i costi di produzione, in estrema contraddizione con la struttura corporativa della società lucchese. Così, nel gennaio del 1531, la Corte dei mercanti e il Consiglio generale – istituzioni politiche appannaggio di poche famiglie di nobili-mercanti con l’esclusione delle arti, il cosiddetto “cerchiolino” – si impegnano nella revisione degli statuti delle arti: abolizione della possibilità di lavorare in proprio, gestione del marchio di garanzia da parte della Corte dei mercanti e non più della Scuola dei Testori, diminuzione delle “manifatture”, con conseguente abbassamento dei salari dei lavoranti”.

Il tentativo di “proletarizzazione” dei maestri e delle maestre – ricorda ancora Potere al Popolo – è dunque la miccia che, il 30 aprile del 1531, fa scoppiare la rivolta. Inizialmente sono i giovani setaioli a innalzare il drappo nero e a riempire le strade dei borghi, armi alla mano, contro le nuove leggi dei mercanti. La folla, composta da setaioli e tessitori già affaticati dalla bassa congiuntura del mercato tessile, si raduna il giorno successivo nella chiesa di San Francesco, per richiedere il ritiro dei provvedimenti mercantili. Il 2 maggio, l’assemblea si riunisce di nuovo, con la partecipazione di altre arti minori e del popolo minuto: alla richiesta dell’abolizione delle nuove leggi si accompagnano alcune doléances popolari: il carovita (in particolare di olio e vino) e la pessima qualità del pane venduto in monopolio alle classi inferiori dall’istituto dell’Abbondanza, ma anche il cattivo funzionamento delle carceri e degli spedali (in particolare il San Luca, gestito direttamente dalla Corte dei mercanti) soprattutto nei confronti del fenomeno del vagabondaggio, come emerge da alcuni provvedimenti che i rappresentanti popolari riescono a far passare in Consiglio nel settembre del 1531.  Si apre allora una stagione di riforme che risponde alle richieste di maggiore partecipazione politica di una parte della città – cittadini “mediocri”, piccole e medie famiglie nobili, che mirano ad entrare nei luoghi istituzionali della Repubblica. La struttura costituzionale si modifica, aumentando il numero dei rappresentanti dei vari organi di governo. Ma la sollevazione continua, perché l’aspetto sociale e materiale non è esaurito: la crisi della produzione, le condizioni di vita dei ceti meno tutelati, la richiesta del pane (“e le donne gridavano pane, pane!”) che fin dal primo maggio aveva animato le strade non si placano con le riforme del settembre del 1531”.

“Con il passare dei mesi, gli artigiani abbandonano progressivamente le istanze più radicali, fino a riunirsi ai nobili-mercanti – datori di lavoro – nella fase finale – ricorda ancora Palp – quando, tra il 9 e il 10 aprile 1532, la sollevazione è repressa nel sangue dal governo aristocratico, per mano del celebrato Francesco Burlamacchi, che tutt’ora osserva torvo le masse popolari dal suo piedistallo in piazza San Michele. Nel Palazzo è riunita un’assemblea generale a cui sono invitati i rappresentanti di tutte le famiglie cittadine, nobili e popolane. Si discute dell’istituzione di una guardia forestiera per ripristinare l’ordine pubblico nella città. La discussione è tesa e non unanime: altrettanto lo è la votazione in Consiglio, al punto che nessuno dei partecipanti all’assemblea ha il permesso di abbandonare il Palazzo prima della conclusione della seduta. Provvedimento poco efficace: presto il Palazzo si trova nuovamente assediato, come già accaduto nel novembre 1531. È a questo punto che il parentado delle grandi famiglie residente nel contado – Buonvisi, Spada, Guinigi – si muove verso Lucca, dove entra nella notte tra il 9 e il 10 aprile. Mentre le concessioni istituzionali ed economiche nei confronti dei tessitori saranno mantenute, la repressione riserverà ai tumultuosi galera, esilio e morte“.

“Ed è una storia mai esaurita, questa – commenta Potere al Popolo – Una storia in cui le classi popolari in rivolta vengono tradite dalle forze padronali e dalle loro corporazioni, sempre pronte a mettersi d’accordo coi governanti, a discapito dei lavoratori. Buon Primo Maggio ai lucchesi, allora, che la loro storia non sia solo quella dei padroni e di chi li ha traditi. Buon Primo Maggio a chi lavora per il pane e per la dignità, ma soprattutto a chi vorrebbe lavorare, anche poco, ma tutti. Buon Primo Maggio a tutti gli straccioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.