Quantcast

Verso le elezioni, nasce Lucca Futura: “Pensiamo a una città moderna, aperta e solidale”

Fra gli interessi principali l’ambiente e la sostenibilità, la rivoluzione digitale e l’innovazione al servizio del territorio e la parità dei diritti

Si moltiplicano le iniziative culturali e politiche in vista dell’appuntamento amministrativo della primavera 2022 a Lucca.

È nata Lucca Futura, un gruppo che, dalle prime adesioni, appare vicino alle posizioni dell’attuale assessore ai lavori pubblici, Francesco Raspini con l’obiettivo di “riflettere su nuove prospettive, sviluppare opportunità concrete, aprirsi a proposte inedite, raccogliere sfide e dialogare per comprendere l’oggi e costruire il domani”.

Lucca Futura logo

“LuccaFutura – dicono i promotori – è un gruppo, un luogo e un contenitore di idee per la nostra città che nasce con l’obiettivo di ragionare di politica, osservare i temi nazionali e internazionali, ricercare stimoli e guardare a esperienze locali e non solo. È uno spazio aperto, un punto di incontro e di confronto, bacino di generazioni vicine e lontane, volano di grandi visioni e di esigenze quotidiane. Fra gli aspetti centrali dell’attività di Futura ci sono l’ambiente e la sostenibilità, la rivoluzione digitale e l’innovazione al servizio del territorio, la parità dei diritti che si realizza nel rispetto della diversità. Ma questi sono alcuni dei tanti temi di interesse generale che intende affrontare”.

“Perché – proseguono – dentro Futura, si parla, si discute, si impara e si cresce. E lo si fa senza limiti, pregiudizi o barriere, con la consapevolezza che, il ventaglio di sensibilità, di professionalità e di culture che la animano, rappresenti un potenziale straordinario che è valore aggiunto e motore di cambiamento. Di Futura, infatti, fanno parte giovani e meno giovani, laureati e non, professionisti, studenti, avvocati, imprenditori, figure che hanno già fatto politica e soggetti finora non attivi, ma desiderosi di esprimersi sui processi che investono la vita di ciascuno di noi. Un insieme di personalità apparentemente distanti, ma con un unico obiettivo in comune: affrontare con Futura temi determinanti per proiettare la nostra Lucca nel domani, mettendo in campo tutti gli strumenti a disposizione. Fra questi, un ricco palinsesto di appuntamenti con personalità di spicco del panorama attuale – che si terranno online finché non sarà possibile realizzarli in presenza – progetti e campagne sul territorio e iniziative di rilievo per la cittadinanza con lo scopo di delineare insieme la Lucca che sarà”.

“Vogliamo recuperare parole antiche e vestirle di nuova speranza – sostengono dal gruppo – la giustizia accanto alla solidarietà; il rispetto accanto alla tolleranza; l’apertura accanto all’accoglienza; il lavoro accanto alla dignità. Su questo vogliamo riflettere, per capire e costruire progettualità nuove declinate sulla nostra città, che è il nostro punto di vista sul mondo, che è il nostro vivere quotidiano. Il criterio, dunque, è chiaro e univoco: scavare nel profondo per cercare risposte mai banali alle domande difficili che ci impongono il nostro tempo e la fase complicata in cui ci troviamo, e tratteggiare così la Lucca degli anni che verranno”.

Pensiamo a una Lucca moderna, aperta e solidale – proseguono  Una Lucca coraggiosa, che recuperi centralità nei rapporti con i territori vicini, facendo rete. Una Lucca visionaria, come la nostra città riesce a essere quando sa guardare al mondo. Una Lucca che sappia cogliere le opportunità e alla quale oggi ci appelliamo, della quale ci sentiamo cittadini, per la quale vogliamo costruire, insieme… Lucca Futura”.

Il programma delle prossime settimane – attraverso il quale Futura inizierà a delineare la propria visione di città – è già ricco di appuntamenti con ospiti di rilievo sia nazionale che locale.

Si comincia venerdì 14 maggio alle 18 con un evento streaming intitolato: Centro e periferia: le disuguaglianze territoriali in Italia che vedrà come ospite nazionale Sabina De Luca del Forum disuguaglianze diretto da Fabrizio Barca e come ospite locale Donatella Turri, direttrice della Caritas Diocesana. Modererà il giornalista Giulio Sensi. 

Nelle prossime settimane sono già in programma altri eventi.

Un manifesto per lo sport – Ospite: Mauro Berruto (ex ct Volley Italia, membro segreteria Pd); Le disuguaglianze generazionali
Ospiti: Salvatore Morelli (forum disuguaglianze e diversità) e Giulia Cordella (sociologa); La giustizia sociale nel cambiamento tecnologico –  Ospiti Fabrizio Barca e Giulio de Petra (forum disuguaglianze e diversità), Alessandro Tambellini (sindaco di Lucca) e Stefano Giovacchini (mprenditore specializzato in economica circolare); Ludocrazia: il gioco per accorciare le distanze tra governo e cittadini – Ospiti Gianluca Sgueo (Global professor New York University), professo Alessandro Capocchi (universitá Milano Bicocca); Città e infrastrutture verdi. L’importanza dello sviluppo urbano sostenibile –  Ospite professor Ferrini (Università di Firenze)

È possibile seguire LuccaFutura attraverso i canali social, Facebook e Instagram, o mettersi in contatto con il gruppo utilizzando la mail luccafutura@gmail.com.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.