Quantcast

Rifondazione Comunista Lucca: “Non si deve morire di lavoro a 23 anni”

Il partico dopo l'incidentedi Montemurlo: "Assumiamo come un impegno più forte che mai la lotta perché le aziende smettano di essere luoghi di morte"

“Morire a 23 anni mentre si lavora per guadagnare di che vivere. È successo di nuovo. Questa volta è toccato a una giovane operaia, madre di una bambina piccola, rimasta impigliata in un rullo della macchina su cui stava lavorando in uno stabilimento tessile di Montemurlo in provincia di Prato. Mancano le parole per dire lo sgomento e la rabbia di fronte all’ennesimo atto di uno stillicidio che non sembra avere mai fine”. Lo dichiara Rifondazione Comunista di Lucca.

“Ma sappiamo che il silenzio – continua il gruppo politico – conduce all’indifferenza e all’assuefazione e che non bisogna smettere di indignarsi e lottare finché la cura della vita non prevarrà sui profitti. Denunciamo come insopportabile e inaccettabile il fatto che nell’era del digitale e dei sensori in grado di guidare lavorazioni millimetriche continuino a esistere condizioni di lavoro in cui una macchina può uccidere una persona”.

“Nell’esprimere il nostro dolore – concluide Rifondazione – e i sentimenti di una sentita vicinanza con i genitori e con la piccola bimba della lavoratrice assumiamo come un impegno più forte che mai la lotta perché i luoghi di lavoro smettano di essere luoghi di morte“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.