Quantcast

Taxi e Ncc: ok al nuovo regolamento tra le polemiche. Elena Baroni nominata garante dell’infanzia

Si accende il dibattito in consiglio comunale in una seduta iniziata nel ricordo di Luana D’Orazio

Un altro acceso dibattito questa sera (4 maggio) in consiglio comunale tra maggioranza e opposizione, in cui si sono discussi diversi temi. La seduta è iniziata con un minuto di silenzio e di riflessione in ricordo di Luana D’Orazio, la giovane 22enne e neomamma tragicamente morta in fabbrica rimasta impigliata nel rullo del macchinario in cui stava lavorando.

Fumata bianca, dopo qualche problema tecnico, per la nomina del garante dell’infanzia e dell’adolescenza, con la proposta di delibera che era già stata messa in votazione durante lo scorso consiglio comunale del 27 aprile (in cui non ha raggiunto il quorum). Come garante dell’infanzia e dell’adolescenza del comune di Lucca è stata eletta Elena Baroni (23 voti).

Elena Baroni è stata eletta con i voti della minoranza ad esclusione di Martinelli, Buchignani, Consani e Torrini, che hanno dichiarato la loro contrarietà esplicita nella votazione per l’immediata eseguibilità della proposta. Questo emerge dal fatto che la votazione per la nomina è avvenuta a scrutinio segreto a cui hanno partecipato 29 consiglieri su 33 in quanto il sindaco, Guidotti e Testaferrata hanno dichiarato di non riuscire a votare per problemi di connessione.

La discussione è poi passata all’approvazione del regolamento comunale per l’esercizio dei servizi pubblici di trasporto non di linea. La pratica è stata presentata dall’assessora Chiara Martini. Una modifica che riguarda principalmente l’articolo 24, “una normativa – come spiega l’assessora – che recepisce il principio di concorrenze e che stabilisce l’esclusione di patti di esclusività”.

Ok in commissione al regolamento sul trasporto non di linea, ma per gli addetti così non va

Critico il consigliere del gruppo misto Enrico Torrini: “Come ho detto in commissione in Italia siamo abituati a legiferare dove non si conosce. Questo regolamento viene partorito dal consiglio comunale, con dei ricorsi subito pronti. Sia taxi che Ncc sono contrari, sono allineati in questa ‘battaglia’. Per questo motivo il nostro voto sarà contrario”. Contrario anche il consiglieri M5s Massimiliano Bindocci: “La situazione è complessa, invito i consiglieri ad informarsi molto bene. Ci sarà un contenzioso giudiziario certo con dei risarcimenti importanti. Un regolamento da approvare, come detto dai tecnici, per uscire da un mezzo casino fatto dal Comune per i precedenti bandi. Una situazione da film, un regolamento da approvare per un ricatto. Qui c’è un problema a di procedura, di motivazioni – si tappa un casino facendone un altro – e di merito. Oltretutto questo nuovo regolamento comunale contraddice la legge in modo plateale. Riflettiamo fino in fondo prima di votare questa cosa pericolosa”. Sulla stessa linea il consigliere Fabio Barsanti: “C’è totale convergenza tra le due categorie, taxi e Ncc, perplessi sul nuovo regolamento. Hanno espresso tutte le loro perplessità in commissione, in maniera unanime, ma qui si va avanti lo stesso. Come si fa ad approvare questo regolamento? Fermiamoci a riflettere”.

Il capogruppo Pd Roberto Guidotti risponde alle polemiche: “Non c’è stata concertazione? Non è assolutamente vero, c’è stato un percorso con i rappresentati di categoria. Ci sono i verbali. Le cose vanno dette come sono state fatte. È stato un percorso lineare, poi potete pure discutere sul merito”.

Critico anche il capogruppo di SiAmo Lucca Remo Santini: “Questo nuovo regolamento è un pasticcio. Quattro riunioni non bastano, qui non si ascoltano le categorie. Non si soddisfa la controparte. Come al solito non si ascolta. Noi chiediamo uno stop e invitiamo ad una riflessione”.

La replica dell’assessora Martini: “Ricatti da un’autorità prevista dalla legge? Io ci andrei piano. Arrosti? Lo trovo irrispettoso. La concertazione noi l’abbiamo fatta a partire dal 2019, non ci siamo chiusi nel palazzo, ci siamo aperti al confronto. È una situazione complessa, è vero, ma siamo chiamati ad adeguarci ad una normativa. L’opposizione non ha letto tutti i documenti. Stiamo valutando come andare incontro alle esigenze emerse durante la concertazione”. Così il capogruppo Fdi Marco Martinelli: “Dai rappresentanti delle categorie sono emerse evidenti criticità sul nuovo regolamento. Siamo stati i primi a chiedere un ripensamento all’amministrazione e continuiamo a fare un appello affinché ci si fermi. Queste disposizioni andranno ad incidere su un settore in grande difficoltà a causa della crisi economica generata dalla pandemia. Dietro a queste attività ci sono lavoratori e famiglie che stanno facendo molta fatica e che meritano il nostro rispetto e sostegno”.

Martinelli: “Taxi, contrari al nuovo regolamento del Comune”

Negato il voto unico da Barsanti e Bindocci, il consiglio comunale ha votato l’approvazione del regolamento articolo per articolo, con l’appello a distanza fatto per ben 42 volte. Anche qui le polemiche non sono mancate: “È una presa in giro per la città”, lo sfogo di Torrini, ma le votazioni, come da regolamento, sono proseguite articolo per articolo, con la capigruppo (in particolare Martinelli) che ha negato la proposta di Barsanti e Bindocci di cambio di modalità di voto dopo l’articolo 24, quello topico secondo i due consiglieri. “State tenendo in ostaggio il sito del consiglio comunale, ormai continuiamo così”, l’attacco polemico di Torrini nei confronti di Barsanti e Bindocci. La pratica è stata poi approvata con 18 voti favorevoli e 11 contrari. L’infinita e surreale votazione è durata quasi due ore, fino circa all’una di notte.

Polemico anche il consigliere Guidotti: “C’è poca serietà, chiederò di fare sempre il consiglio comunale alle 18“.

Eredità Puccetti, il Comune rinuncia all’immobile di Aquilea: ok dal consiglio comunale (18 favorevoli e 1 astenuto).

Eredità Puccetti, il Comune rinuncia all’immobile di Aquilea: sarebbe dovuto diventare una fondazione

Le due mozioni sono state rimandate a data da destinarsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.