Quantcast

Colucci: “Hub vaccinale al Polo Fiere? Baccelli dica cosa ne pensa”

L'esponente dei Riformisti: "I sindaci hanno preso posizione"

“Sanità lucchese e assi viari, Baccelli batti un colpo”. E’ la prorogazione di Francesco Colucci dei Riformisti per Italia Viva di Lucca. “I sindaci della Piana Lucchese hanno indicato il Polo Fiere come il sito più funzionale, meglio ubicato, per creare il centro vaccinale di tutta la Piana. Il sindaco Tambellini ha messo a disposizione i 5.000 metri cubi della struttura ex Bertolli per realizzare l’hub vaccinale. Il sindaco di Altopascio D’Ambrosio ha confermato pubblicamente questa richiesta. Campo di Marte è poco funzionale: ambienti stretti, corridoi convertiti in sale di attesa, tempi di attesa che si allungano, stanze che non consentono la presenza di troppe persone contemporaneamente. La Regione continua ad ignorare la richiesta dei sindaci della Piana”.

“Lucca ha nella giunta regionale Stefano Baccelli, esponente Pd, che sulla sanità lucchese, si è già reso protagonista in negativo, propugnando la realizzazione a Campo di Marte di un reparto Covid, costato alcuni milioni di euro, mai reso completamente funzionante, mesi fa, pomposamente da lui, inaugurato. L’assessore Baccelli, su un argomento così urgente e delicato come l’hub vaccinale di tutti i nostri territori, non ha detto una parola, nessuna condivisione. E’ d’accordo con Tambellini e altri sindaci? O è contrario? L’hub vaccinale non è l’unica emergenza in cui si deve prendere atto di una assenza dell’assessore Baccelli: infatti anche sugli assi viari, di competenza del suo assessorato, continua il blocco dei cantieri già finanziati, colpevolmente portato avanti compagno di cordata Menesini. A questo punto ci chiediamo, come Riformisti: è Baccelli inadeguato a portare avanti in Regione, le richieste del territorio o è il Pd locale che frena ogni sua decisione?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.