Pd avanti con il Movimento Cinque Stelle, Colucci: “Una eutanasia annunciata”

Per l'esponente dei riformisti i dem "non manifestano da anni, alcuna visione di sviluppo, di prospettiva, di mete da raggiungere"

L’abbraccio del Pd al Movimento Cinque Stelle è l’eutanasia dei dem. La pensa così Francesco Colucci dei Riformisti per Italia Viva. 

“A Roma come a Lucca dobbiamo prendere atto – dice – che il Pd è un partito non più affidabile, che non ha più alcun collegamento con la società civile, con la base sociale e culturale che ha sempre rappresentato, con quel buon senso che gli antichi Romani chiamavano bonus pater familias. Il segretario del Pd Enrico Letta, parlando nei giorni scorsi del rapporto con Leu e 5Stelle, ha affermato: “Saremo insieme alle prossime elezioni politiche, lavoreremo in questi mesi per arrivare a quello: siamo persone che si stimano fra di loro, questa è una marcia in più, incredibile. Noi dobbiamo fare una promessa a noi stessi: lavoriamo per annaffiare questa capacità di stare insieme”. Togliatti e Berlinguer, ma anche De Gasperi e Aldo Moro, si rivolteranno nella tomba: vedere il più imporrante partito della sinistra italiana, fondare la sua unica prospettiva politica nell’abbraccio con un confusionario movimento populista ed antisistema, frutto di una indeterminata contestazione globale alla società italiana, né di destra né di sinistra, in piena crisi identitaria, guidato da un comico maschilista”.

“5Stelle – dice ancora – un movimento no Tav, no Tap, no Ilva, no oonte sullo stretto, no tutto, feroce giustizialista acritico, culturalmente inesistente. Letta sa bene, che con l’attuale sistema elettorale, oltre il 50% dei candidati nei collegi uninominali comuni saranno dei 5stelle, ponendo agli elettori del Pd il dilemma di votarli, tappandosi il naso, oppure volgere i loro consensi ai partiti riformisti, sempre coerenti con la loro tradizione progressista, mai populisti, mai giustizialisti. Noi dobbiamo dare loro questo futuro”.

“A Lucca, due gestioni personali, di Marcucci e di Tambellini – prosegue – tengono il Pd immobile e inesistente sui principali problemi del nostro territorio. Non una parola del Pd sul blocco degli appalti degli assi viari, già finanziati, sul raddoppio ferroviario fermo sulla tratta che interessa il nostro territorio, sul nuovo casello di Mugnano, sullo smaltimento dei rifiuti industriali, iniziando dal pulper di cartiera, sulla sanità lucchese e della Valle del Serchio, da ristrutturare e implementare con nuovo personale, sul rilancio del turismo, del commercio, dell’agricoltura, dell’artigianato, piegati dalla pandemia. Su tutto, un silenzio tombale ma assordante”.

“Il Pd a Lucca, governa, da solo, la Provincia e buona parte dei Comuni del territorio – conclude – occupandosi solo alla gestione del potere, non manifesta da anni, alcuna visione di sviluppo, di prospettiva, di mete da raggiungere, gestisce con fatica, in mezzo a veti incrociati interni, il tran tran quotidiano, senza mai volare alto. Una eutanasia annunciata di un Pd ormai avulso dai problemi della società lucchese e dalla politica riformista”.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.