Quantcast

Martinelli: “Manovra Tari? Possibile solo grazie ai fondi del governo”

Il presidente di Fdi: "Raspini e Martini non facciano campagna elettorale"

Tari, Raspini e Martini dicano la verità: la fonte degli oltre 2 milioni di euro necessari per gli sconti annunciati è il Governo e non il Comune”. Lo dichiara Marco Martinelli presidente del gruppo consiliare di Fratelli d’Italia al comune di Lucca che commenta l’annuncio dell’amministrazione comunale sulla manovra Tari.

“Sbagliato – aggiunge l’esponente del partito di Giorgia Meloni- che gli assessori Raspini e Martini abbiano fatto credere ai cittadini che la manovra sia possibile ‘con nuove risorse del Comune e del Governo’. La realtà è un’altra – attacca Martinelli -. Un milione e 400mila euro derivano dal fondo agevolazioni Tari istituito dal Governo con decreto del 25 maggio scorso e gli altri 898.000 euro di avanzo vincolato la fonte è sempre statale visto che si tratta di fondi del governo inviati per far fronte all’emergenza covid e non utilizzati dal comune di Lucca lo scorso anno. Basta fare campagna elettorale prendendo in giro i cittadini con annunci spot. Il comune di Lucca potrebbe prendersi dei meriti solo se aggiungesse risorse proprie a questi fondi statali al fine di abbattere completamente la tariffa per tutte quelle attività che sono state interessate da chiusure obbligatorie e da restrizioni di altro tipo nelle varie fasi dell’emergenza Covid”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.