Quantcast

Dinelli (Pd): “Manifattura, l’amministrazione si è assunta le sue responsabilità”

Il consigliere: "Le continue richieste di partecipazione da parte della minoranza forse nascondono l'assenza di proposte concrete"

“Quanti appelli fatti da parte del centrodestra in nome della partecipazione. E‘ un richiamo continuo, costante, che ormai è quasi una routine. Questa maggioranza viene erroneamente accusata di non ascoltare i cittadini, quasi come se le persone che la compongono vivessero in un’altra città, frequentassero altre persone ed evitassero gli eventi che in essa si svolgono. La partecipazione sta a cuore a tutti, noi compresi. Ma se questo è un aspetto decisamente importante della democrazia ne esiste anche un altro: la capacità di assumenrsi le responsabilità”. Lo dice il consigliere Pd Leonardo Dinelli.

“Questa amministrazione lo fa da otto anni – afferma -, l’ha fatto anche in occasione del Cosiglio comunale di ieri sera e, statene certi, lo farà ancora. E’ stata approvata la pratica sulla salvaguardia degli equilibri di bilancio ed assestamento generale. Un approvazione di bilancio intorno a 30 milioni di euro. Una cifra importante, direi enorme, messa a disposizione da questa giunta per cercare di migliorare la qualità della vita di ognuno di noi. Effetti di una politica amministrativa sana, retta, portata avanti da persone capaci e competenti, chiaramente uffici compresi. Un momento significativo della vita amministrativa che ha offerto concretamente, ai massimi rappresentanti del processo partecipativo, l’occasione di esprimere proposte, portare correttivi, indicazioni, migliorie e suggerimenti a quanto presentato. E invece? Discussione inesistente e tempo di approvazione record, come per le precedenti occasioni”.

“Ora le motivazioni che reggono questo incomprensibile atteggiamento sono almeno due – va avanti -. La prima potrebbe esserte che sia una forma di protesta basata sull’errata convinzione secondo la quale questa maggioranza non è capace di ascoltare gli altri oppure la minoranza, considerato che nessuna motivazione è stata data, manca di una reale, vera e concreta proposta per la crescita e lo sviluppo economico della città da poterla condividere con l’amministrazione, basterebbe anche una bozza. Ma è possibile che ogni volta che in Consiglio Comunale c’è una pratica fondamentale non si perda nemmeno una decina di minuti per una discussione, anche vivace, per cui i richiami alla partecipazione tanto inneggiati non assumano i contorni di appelli di facciata e pretestuosi? Costruiti ad arte per evitare di assumersi le responsabiltà e per la mancanza di coraggio quando si tratta di prendere decisioni concrete per la città e per i suoi residenti?”.

“Nonostante l’incoerenza tra il comportamento dimostrato ieri sera in Consiglio Comunale con quanto vanno continuamente dichiarando – afferma – voglio sperare che la la partecipazione a cui questa opposizione si riferisce sia la stessa alla quale pensiamo noi e che Gaber richiamava in una sua famosa canzone: ‘…la libertà non è star sopra un albero, non è neanche avere un’opinione la libertà non è uno spazio libero la libertà è partecipazione…'”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.