Quantcast

Sblocco licenziamenti, Rifondazione comunista incontra i lavoratori della Gkn

All'assemblea hanno partecipato anche sindacalisti della Fiom di Lucca delegati della Perini e della Kme

Ieri (29 luglio) Rifondazione comunista di Lucca ha incontrato alla Casa del popolo a Verciano un gruppo di rappresentanti sindacali, lavoratori e lavoratrici, cittadini lucchesi e licenziati della fabbrica Gkn di Campi Bisenzio.

“Grande emozione hanno suscitato le parole di Matteo che in video conferenza dalla fabbrica occupata, ha raccontato la loro esperienza – riporta il segretario provinciale Giulio Strambi -. Ha colpito tutti il fatto che la scelta aziendale sia maturata nel più assoluto segreto e si sia sviluppata clonando le attività svolte nello stabilimento toscano per poterle impiantare in altra nazione dove si poteva risparmiare sul costo del lavoro. Poi la modalità con cui è stato comunicato il licenziamento è la spia di quanto poco si sia tenuta in considerazione l’impatto sociale ed il dramma personale dei lavoratori“.

“A conclusione del collegamento con la Gkn si è sviluppata una profonda riflessione sulle problematiche del lavoro in Italia e nelle specifiche realtà industriali lucchesi – prosegue Strambi -. Gli interventi di sindacalisti della Fiom di Lucca, di delegati della Perini e della Kme e di lavoratori di varie realtà produttive hanno sviluppato un’analisi preoccupante per la persistente crisi e per la sciagurata decisione del governo Draghi di sbloccare i licenziamenti. La riunione è terminata con le conclusioni di Antonello Patta, responsabile nazionale Lavoro del Prc, che ha ripreso le varie tematiche trattate ed ha lanciato la proposta di un intervento dello stato che riprenda in mano le redini della politica industriale finanziando e gestendo direttamente le attività in difficoltà o chiuse per il rilancio dell’occupazione e dell’Italia”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.