Manifattura Sud, appello di Santini (SiAmo Lucca) a firmare per il processo partecipativo

L'ex candidato sindaco: "Sarò presente al banchetto di piazza San Michele per sostenere l'iniziativa"

“Con grande piacere e convinzione, questa settimana sarò presente al banchetto di piazza San Michele dove è in corso la raccolta di firme per chiedere l’attivazione del processo partecipativo per il futuro della manifattura sud“. Ad annunciarlo è Remo Santini, ex candidato sindaco e attuale capogruppo di opposizione con la lista civica SìAmoLucca.

“Un percorso coerente con la posizione assunta fin dall’inizio da SìAmoLucca, e coerente con l’ordine del giorno che ho presentato recentemente in consiglio comunale come primo firmatario insieme al collega Giovanni Minniti (Lega) a cui hanno aderito tutti gli altri componenti dell’opposizione, ma che è stato bocciato dalla maggioranza di centrosinistra che sostiene la giunta Tambellini – spiega Santini -. Continuo fermamente a credere che dopo il rigetto della project financing Coima-Fondazione Cassa per mancanza di interesse pubblico, l’attivazione di un processo partecipativo, come del resto previsto dalla legislazione regionale, faciliti la più ampia condivisione possibile dei prossimi progetti e costituisca un indispensabile strumento di coesione cittadina e di affidabilità per qualunque investitore, che potrà così contare su procedure e destinazioni chiare, decise e concordate nel confronto e con la conseguente linearità e concretezza: un processo partecipativo che dunque non preclude affatto, ma anzi incentiva l’investimento di capitali privati nelle forme giuridiche che saranno ritenute più opportune, che potranno conciliare l’investimento privato e l’auspicabile mantenimento della proprietà pubblica”.

Prosegue Santini: “Ecco perché è doveroso essere vicini all’iniziativa lanciata dai due comitati Salviamo la Manifattura e Uniti per la Manifattura, di cui fanno parte persone di diversa provenienza politica e sensibilità culturale, che si sono spogliate dalle ideologie per dare vita ad una battaglia che è essenzialmente legata a fare il bene della città. Una trasversalità fondamentale, che rappresenta una novità importante nel panorama politico lucchese”.

I prossimi appuntamenti con la raccolta delle firme in piazza San Michele (che si è tenuta anche oggi) saranno mercoledì (25 agosto) e venerdì 27 dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19,30, mentre le sottoscrizioni proseguono alla libreria Ubik di via Fillungo e alla libreria Baroni di piazza San Frediano.

“L’invito a tutti coloro che hanno davvero a cuore il futuro della Manifattura – conclude Santini – è a recarsi a firmare per il processo partecipativo, imponendo al Comune una linea di ascolto che non significa lasciare lì un rudere cadente, tutt’altro: ma individuare insieme le funzioni migliori e più compatibili con il centro storico dei prossimi decenni”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.